Troppo buono per buttarlo via

L’altro giorno hai visto un video della tua nuova youtuber preferita (Sustainably Vegan) che provava una app inglese: si chiama “too good to go” e ha l’obiettivo di evitare che venga buttato del cibo.

Infatti purtroppo a fine giornata molti ristoranti/gastronomie/panetterie eccetera finiscono per buttare il cibo invenduto benché ancora commestibile. Secondo la FAO circa un terzo della produzione alimentare finisce per essere buttata: uno spreco spaventoso in un mondo dove milioni di persone non hanno niente da mangiare. Chiaramente questi rifiuti non provengono solo da ristoranti o supermercati, ma è pur vero che lo spreco alimentare affligge la nostra società in maniera spaventosa.

Al di là di quello che tutti voi finiscono per buttare nella propria spazzatura personale perché scaduto, perché ne è stato comprato troppo o simili, che tutti voi (tu per prima) dovreste cercare di limitare il più possibile, certamente uno dei grandi problemi è costituito da ristoranti. Fortunatamente in Italia molti supermercati collaborano con associazioni di beneficienza che ritirano gli alimentari prossimi alla scadenza, ma questo difficilmente può succedere con la rosticceria sotto casa o con la pasticceria all’angolo.

Ecco allora che può tornare utile “too good to go”. Sulla app si prenotano (e pagano in anticipo) gli “avanzi” del ristorante o negozio scelto e all’ora stabilita (in genere l’orario è vicino alla chiusura) si ritirano. Il costo varia dalla metà a un terzo del prezzo originario, perché altrimenti quel cibo sarebbe stato buttato, d’altra parte non si può sapere cosa si riceverà (probabilmente però ci sono filtri per eventuali allergie/preferenze alimentari).

Ovvio, bisogna organizzarsi: magari il locale non è dietro l’angolo o l’orario non è dei più comodi. E bisogna avere lo spirito di accettare quello che si trova. Però: ci guadagna l’ambiente perché il cibo non viene buttato, ci guadagna il venditore perché altrimenti non avrebbe ricavato nulla da quel prodotto, ci guadagna ci compra perché spende molto meno.

Insomma, un’iniziativa favolosa. Sei andata immediatamente a scaricare la app. E ovviamente non è disponibile in Italia, anche se si trova invece in altri Paesi (Germania, Francia, Svizzera, Olanda…). Allora, tristemente, ti sei limitata a commentare il video apprezzando l’iniziativa e dicendoti dispiaciuta che non ci fosse in Italia. Ti ha risposto direttamente lo staff di “Too good to go”: dovrebbero sbarcare a Milano ad aprile!

E’ una notizia di cui sei molto felice, speri che la useranno in tanti, contribuendo così a diminuire, ciascuno nel proprio piccolo, la grande quantità di rifiuti che ci assedia. Tu non vedi l’ora di scaricarla.

A proposito, per chi fosse interessato: cercano commerciali a Milano 🙂

2 commenti

Archiviato in zerowaste

2 risposte a “Troppo buono per buttarlo via

  1. Mi sembra un’iniziativa stupenda! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...