Gli occhi di chi guarda 

Nel giro di due giorni sei riuscita a prendere due pacchi da due uomini diversi con i quali avresti dovuto bere un caffè. Ci sarebbe da uscirne con l’autostima un po’ ammaccata, se tu ne avessi una. Ti viene quasi il sospetto che sia diventato disdicevole farsi vedere con te al bar aziendale. Che la tua reputazione da alcolizzata sia arrivata fino a lì? Avranno paura che invece di un caffè potresti ordinare un vodka lemon alle nove del mattino? Qualcuno ha detto vodka lemon?

Oggi, verso l’una tu e Manicomio eravate all’ingresso, ad aspettare che l’assistente dell’amministratore delegato vi raggiungesse per pranzare con voi. In quel mentre sono passati il Cucciolo e lo Scontroso. Tu avevi addosso dei leggings da motociclista che all’ultimo l’avevano spuntata sui jeans, i soliti tacchi altissimi e uno scialle della nonna. Tutto sommato poteva andare peggio. 

L’assistente dell’AD è arrivato poco dopo, il Cucciolo e lo Scontroso erano in cortile. Mentre passavate dall’altra parte del palazzo, ti sei girata verso di loro per fare un cenno di saluto. Il Cucciolo ti stava guardando. Ma non è tanto quello. È il “come”. Ti guardava come pochi uomini nella tua vita ti hanno mai guardata (te ne viene in mente uno solo), con una tenerezza che andava al di là dei tuoi vestiti, del tuo rossetto, dei tuoi fianchi mentre salivi le scale. Se non fosse assurdo diresti che ti ha guardata “con amore”. Uno sguardo che ti ha colpito quasi fisicamente. E del quale hai dovuto parlare per forza, prima che sbiadisca dalla tua mente e cominci a pensare di esserti immaginata tutto.

Non vi scrivete da martedì scorso. Tu non sai nemmeno più cosa fare, non hai gli strumenti per gestirla questa cosa qui. Qualsiasi cosa sia.

Annunci

2 commenti

Archiviato in falegnameria cerebrale

2 risposte a “Gli occhi di chi guarda 

  1. batchiara1

    Dai magari stava pensando alla formazione del Fantacalcio.
    (Nié, si arriva sempre senza armi davanti a queste cose, io continuo a pensare che la soluzione migliore sia buttarla in braccio allo scontroso).

    • In realtà sono già nella fase in cui penso di essermi immaginata tutto 🙂
      Comunque la tua fissa per lo Scontroso va gestita: devi trovare il modo di farti affidare noi come cliente, così lo conosci e ti ci fidanzi (sono certa che diventerebbe immediatamente meno scontroso). Rido moltissimo, ma questo coi tuoi commenti mi succede spesso 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...