Lo sgradito ritorno dei dialoghi surreali 

È un pezzo che su questi schermi ti lamenti della collega nuova. Tu non hai pazienza, si sa, la gente con le sue domande ti secca, lei ti sembra di una lentezza esasperante e soprattutto a te non sembrava di essere così quando stavi imparando. Oltretutto non è mica una neoassunta che deve imparare tutto. Avrà dieci anni più di te, viene da un’altra struttura di comunicazione aziendale, dovrebbe sapere come si lavora. Però siccome lo riconosci che hai un brutto carattere, a volte pensavi di essere tu quella nel torto. Invece i due esempi seguenti ti dimostrano che “non sei tu, è lei”.

Ieri la tua capa l’ha portata con sé ad un appuntamento. Tu non sei stata coinvolta, il che significa che l’attività non la dovrai seguire. Di ritorno dalla riunione lei comincia a raccontarti di cosa si tratta e a chiederti cosa deve fare. A parte il fatto che finora ha fatto tre cose, tutte uguali e ancora ti chiede, tu hai cominciato a farle delle domande per inquadrare la situazione. Lei non aveva le risposte e ha commentato: “Lo sapevo che saresti dovuta venire anche tu!”. Ma porca miseria, si aspetta che tu la segua dappertutto per occuparti di lei come se fossi un’insegnante di sostegno? Se non ha capito qualcosa non può chiedere alla vostra capa, che era con lei, invece di aspettarsi che tu la imbocchi in tutto?

Ma il peggio l’ha toccato stamattina. “Nelle mail che mi hai mandato c’è qualcosa che devo fare io?” Ti domanda. Tu lì per lì sei presa alla sprovvista: la metti in copia in tutto, sperando che prenda familiarità con le attività: “non saprei, non mi pare, perché?” E lei: “Perché in quel caso le leggo”.

Tu così non ce la puoi fare. Ti dichiari sconfitta. Pensi che d’ora in poi avrai meno riguardi.

Annunci

2 commenti

Archiviato in Senza categoria

2 risposte a “Lo sgradito ritorno dei dialoghi surreali 

  1. Caroline

    Scusa, ma parlarne con la tua capa? Se la nuova collega in questione non è nemmeno un junior è un po’ grave come situazione.

    • Sì, sto pensando di farlo, ma devo trovare il momento giusto. Proprio ieri la capa ha fatto a me e alla collega Manicomio un discorso su una cosa che forse un giorno racconterò, chiedendoci di fare di tutto per far funzionare il team. Del resto a volte mi domando se non sono io che sbaglio approccio e come farebbe lei al posto mio. Cerco di tirare avanti ancora un po’ e vediamo. Intanto mi sfogo qui 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...