Ma com’è che la gattamorta paga sempre?

Stamattina tu e la tua capa eravate così afflitte da meditare di richiamare l’adorato giovanotto degli ultimi post dalle ferie.

Poi oggi pomeriggio il suo collega ti ha chiamata e ti ha detto: “Sali un attimo?”. Tu sei passata da lui ed eri fortunatamente scollatissima e gli hai spettegolato una faccenda e hai fatto la gnegné per quanto ti riesca possibile (ricordi sempre ai tuoi esasperati lettori che sei stata eletta Miss Disagio) e ora, forse, anche lui è tuo per sempre. Almeno lavorativamente e tanto basta.

Che seccatura aver imparato tutto questo quando sei troppo vecchia per usarlo con profitto.

Annunci

2 commenti

Archiviato in falegnameria cerebrale

2 risposte a “Ma com’è che la gattamorta paga sempre?

  1. Sembra comunque che le tue parole non abbiano bisogno di scollature. E poi non è mai troppo tardi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...