Archivi del mese: aprile 2014

I preferiti di aprile

Ma come, già qui? Ebbene sì.

– La sera del 9 aprile andare a cena con Meg sapendo che finalmente l’evento più impegnativo dell’anno era alle tue spalle.
– Amburgo, ma ancora di più Lubecca.
– I rossetti mat di Nyx comprati ad Amburgo (con particolare predilezione per “Bloody Mary”) e la palette NARSissist di Nars (ma va’?).
Ilenia Zodiaco (anche qui). La sua spocchia è adorabile.
– “Sofia si veste sempre di nero” di Paolo Cognetti, con tanti ringraziamenti all’amica E. che te lo regalò.
– “Stoner” di John Williams.
– Riuscire finalmente a visitare la mostra di Kandinskij dopo innumerevoli tentativi andati a vuoto a causa delle code infernali (invece il 23 aprile alle 18 non c’era nessuno, per un attimo hai temuto che fosse chiusa). La mostra poi non ti ha fatto impazzire: l’allestimento ti è sembrato un po’ ammassato, anche se le opere erano bellissime.
– La cassiera della Feltrinelli Duomo che ha espresso entusiasmo per i tuoi acquisti e ti ha perfino consigliato un libro.
– I regali di compleanno (il 2014 è stato ufficialmente l’anno dei libri di cucina).

Annunci

3 commenti

Archiviato in i preferiti del mese

I preferiti di marzo

Ma se è quasi maggio! Embe’? C’è ancora qualcuno qui che non si è abituato ai tuoi ritardi?

– Dormire nella casa nuova con la pace che c’è (a parte quando fanno le feste nel palazzo accanto, con musica orrenda e il karaoke, sì, lo giuri, proprio il karaoke, che Giove li fulmini tutti, sono pure stonati), tornare ogni sera nella casa nuova, ma anche non sempre subito, perché prima a volte fai un giro per negozi oppure vai con Stear a prendere un gelato, una birra, un bicchiere di vino, la pizza.
– Invitare piano piano tutti gli amici a vedere la casa nuova (per di più tutti quelli che sono venuti ti hanno portato dei bellissimi regali, adori i tuoi amici).
– Quella sera che Meg ti ha chiamata per fare un aperitivo all’ultimo minuto.
– Il gattino della casa di fronte che passeggia di tanto in tanto sul ballatoio e quando lo chiami si ferma a guardarti sbalordito con i suoi occhioni giganti.
– Il Satin Lip Pencil di Nars nella colorazione “Hyde Park”.
– “Il raccomandato” di Wilkie Collins, per far ricredere tutti quelli che pensano che i classici siano prolissi e noiosi. E dire che tu eri tra questi, ignorante che eri e non sei altro.

3 commenti

Archiviato in i preferiti del mese