I non preferiti di febbraio

Nel preparare i preferiti di gennaio eri abbastanza certa che avresti messo nei preferiti di febbraio qualcosa come: “svegliarmi ogni giorno nella casa nuova”. E’ abbastanza vero in un certo senso, ma a febbraio è successa una cosa talmente triste da mettere in ombra tutto il resto.
Nell’ultima passeggiata in giardino prima di portarla nella casa nuova la gatta Pina è stata aggredita da un grosso cane nero. Nel tentare di separarli anche tu ti sono beccata un morso. La settimana successiva è stata costituita da lunghe visite dal veterinario per monitorare la sua salute, più passaggi al pronto soccorso, al centro anti-rabbia, al centro vaccinazioni per te.
Poi, mentre sembrava che la situazione migliorasse, è sopraggiunta l’infezione e per la micia non c’è più stato niente da fare.
Non sai spiegare il dolore che hai provato. I primi due giorni tu e Stear eravate come annichiliti. E anche ora, che sono passate due settimane, lei vi manca immensamente.
Nonostante fosse una gattaccia egoista, viziata, prepotente e poco affettuosa, le volevate un gran bene.
Per questo febbraio non ha preferiti, nonostante la casa nuova.

Annunci

11 commenti

Archiviato in Senza categoria

11 risposte a “I non preferiti di febbraio

  1. Em

    so cosa si prova. e ti abbraccio forte.
    Em

  2. Caroline

    Oh Lise, mi spiace immensamente. Una cosa simile è capitata anche a me anni fa. Avevamo un gattino, aveva 5 mesi all’epoca ed era dolcissimo. Anche lui fu aggredito da due cani e nel fuggire cadde e si lesionò la spina dorsale. Rimase paralizzato dal bacino in giù. Uno strazio infinito che durò 1 settimana, poi sono sopraggiunte complicazioni e anche per lui non ci fu niente da fare. Dopo di lui abbiamo avuto altri due gatti, purtroppo anche loro sono morti, la micia 4 anni fa e il micio l’anno scorso d’estate. Sono morti per cause naturali ma è stato doloroso lo stesso. Ti abbraccio.

  3. dolcecandy

    mi dispiace immensamente, davvero. so che è un dolore terribile. ti sono affettuosamente purtroppo solo virtualmente, vicina

  4. Grazie a tutte, siete molto care.
    Caroline, io penso che se un animale muore di vecchiaia sei solo più preparato, ma la sofferenza è la stessa.
    Non avrei mai creduto che lasciasse un tale vuoto, mi manca tanto.

    • Caroline

      In realtà la mia gatta, Ofelia, è morta improvvisamente, ha avuto un ictus. È stato molto doloroso, proprio perché non preparati. Invece, al mio gatto, Truciolo, gli è stato diagnosticato un tumore e nel giro di un mese è morto. Non è stato facile nemmeno con un minimo di preparazione. Diventano parte della famiglia e della nostra vita, e solo chi ha o ha avuto animali può capire.

      • oh Caroline, che brutto, credevo fossero morti di vecchiaia…
        mi spiace moltissimo! sì, il dolore è immenso e anche nel tempo si continua a sentire la loro mancanza.

  5. Dan(iela)

    Oh Lise, non ho parole, mi posso solo immaginare il dolore e anche il senso di vuoto (ho un bassotto che è letteralmente la mia ombra). Un abbraccio.

  6. lise, mi dispiace tantissimo. davvero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...