La vita che vorresti (e quella che va bene così)

Girando per i blog ti capita spesso di imbatterti in ragazze di talento per l’ambito di cui si occupano (chi la cucina, chi il beauty, chi la scrittura). Sono ragazze che ad un certo punto hanno capito quale fosse il loro sogno, l’hanno inseguito mollando il resto se del caso, si sono date da fare, hanno affrontato il rischio, hanno ottenuto (e stanno ottenendo) il successo e le soddisfazioni che meritano.
Guardi le loro foto, quando ci sono, i loro sorrisi intensi e felici, la fierezza di chi è riuscito e le domande non possono non venire.
Se ci pensi bene bene, non credi di aver sbagliato, smettendo di inseguire il tuo sogno. Ad un certo punto deve arrivare la consapevolezza di ciò che si può sperare di ottenere e ciò che è precluso. Però fai il secondo mestiere dei tuoi sogni (il terzo, contando anche la tester di calzature artigianali Luis Vuitton, ma non lo conti mai, quando sei seria), perché non ce l’hai quello stesso sorriso lì tu, quando ti capita di fare qualcosa per bene?

Annunci

9 commenti

Archiviato in Senza categoria

9 risposte a “La vita che vorresti (e quella che va bene così)

  1. Caroline

    Fai la tester di calzature per Louis Vuitton?
    Tornando al tema del tuo post, non è che forse tutti questi sorrisi siano forzati? Oppure forse tu sei molto più esigente con te stessa (sei del segno dell’ariete dopo tutto).

    • ah no magari, intendevo dire che fare il tester di scarpe LV era il secondo mestiere dei sogni 🙂
      io non credo che la blogger che ha vinto il macchianera award o quella che ha pubblicato un libro facciano sorrisi forzati. ma magari sono soddisfazioni così grandi che a me capitano di rado 🙂

  2. l’insoddisfazione perenne, amica mia. ti capisco

  3. Mi sento meno sola al pensiero che non sono l’unica a farsi queste domande..

  4. vuoi una spiegazione scientifica? sono equilibri biochimici, diversi per individuo. amen.

    e poi per una pubblica la foto soddisfatta, sai quante etc etc.

  5. Bis

    “Ad un certo punto deve arrivare la consapevolezza di ciò che si può sperare di ottenere e di ciò che è precluso” o per lo meno troppo ambizioso per le tue forze..
    ma questa consapevolezza ogni tanto brucia…
    soprattutto se si riferisce ai sentimenti.
    però ci proviamo, d’altra parte faccio almeno un lavoro che mi piace..
    Baci B

  6. Caroline

    Ma i preferiti di settembre?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...