Piani sovversivi

Ieri Stear ti raccontava di questa conversazione avuta ieri con suo padre. La conversazione è riportata in corsivo, quando tu intervieni per commentare ciò che si sono detti riprende il carattere normale.

Papà di Stear: Ma come ci va Lise al lavoro?
Stear: La mattina la accompagno io, poi torna in metropolitana
PdS: Potrebbe prendere la 40
S: Cioè?
PdS: Eh, va in piazza, prende la 40, scende a Bonola e prende la metro.
S: Ma che giro fa la 40?
PdS: Va giù per Quarto Oggiaro, poi di là…
S: Ma ci mette tre ore!
PdS: Eh, prova! Oppure potrebbe scendere dove c’è il convento delle suore

Tu: Ma dov’è il convento delle suore?
S: Dietro il Palasharp, dalle parti della palestra…
Tu: Ma è lontanissimo! E da lì?
S: E da lì a piedi

S: Ma papà, è lontano! Deve attraversare la superstrada, è pericoloso!
PdS: Eh, prova

Tu: Ecco, finisco spiaccicata contro una macchina come una nutria sulla statale. Tuo padre vuole uccidermi.

Annunci

9 commenti

Archiviato in Senza categoria

9 risposte a “Piani sovversivi

  1. fiamma

    poi bonola è un postaccio che fa paura

  2. Non vuole ucciderti… Prova!

  3. Caroline

    ma non ho capito: essere accompagnata in macchina è così poco accettabile?

  4. tuo suocero vuole insegnare al figlio come si trattano le donne?
    ciao

  5. mio marito la prende per andare al lavoro e la odia perchè fa il giro del mondo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...