Il tedio e il suo rimedio

Su questo blog hai scritto che avresti voluto una tazza carina per bere il the in ufficio. Per il tuo compleanno ti sono arrivate quattro tazze carine, di cui tre con su dei gatti. E poi c’è gente che sottovaluta il potere di internet.
Tu comunque, al solito, sbagli tutto. Avresti dovuto scrivere che sognavi un appartamento in centro di almeno 120 mq, con terrazzo di 40 possibilmente orientato a ovest. Ad ogni modo sappiano i lettori che non è troppo tardi, anche a tua insaputa.
Hai passato qualche giorno ad Amsterdam e sei stata benissimo, sei impazzita per le loro case sbilenche affacciate sui canali, con le finestre giganti che mostrano gli appartamenti da parte a parte. Tanto che ti sei addirittura fermata davanti alle vetrine delle agenzie immobiliari (per gli interessati: la città è mediamente abbastanza cara, ma per quanto riguarda gli alloggi meno che a Milano). Ma riflettendoci meglio hai capito che non è una questione di residenza: tu Milano la ami moltissimo e non perdi occasione di ripeterlo. Il problema (dovuto anche un po’, ma solo un po’, alla fermata Comasina della MM gialla) è che da tempo, da troppo tempo, la città la vivi poco.
Il divano effettua su di te una forza di attrazione alla quale non sai resistere. E la tua vita si è comodamente trasformata in una routine di lavoro, casa, cena, tv che alla lunga ha causato un malumore del quale non riuscivi ad identificare una ragione plausibile.
“Allora è facile”, penserà un qualsiasi lettore, “basta trascurare un po’ il divano, uscire, fare cose (interessanti), vedere gente (intelligente), vedere mostre, andare al cinema…”.
Questo eventuale fine pensatore non conosce il potere occulto del tuo divano, che ti cattura i pensieri perfino a distanza. Tanto che ieri sera, usciti dall’ufficio tu e il marito non avete approfittato del tempo discreto per un giro degli aperitivi di apertura del FuoriSalone (lui aveva anche degli inviti! e non pioveva, mentre si sa che la settimana del Salone del Mobile è la più piovosa dell’anno!) e ve ne siete tornati a casa di comunissimo accordo per stendervi supinamente sul divano.
Insomma, c’è bisogno di una rieducazione cerebrale alla vita civile. Per fortuna questo fine settimana arriva amichetta F., sulla quale molto confidi per gente intelligente e cose interessanti.

Annunci

7 commenti

Archiviato in Senza categoria

7 risposte a “Il tedio e il suo rimedio

  1. fiamma

    non garantisco nulla di intelligente, ma ti farò scarpinare assai:)
    a domani, amichetta
    f.

  2. Anche se in ritardo, tanti auguri lise 🙂

  3. Caroline

    ehiii auguri per il tuo compleanno, anche se in ritardo!

  4. edi

    speranze ben riposte! 🙂 buon fuorisalone a tutti. 🙂

  5. un milanese ad Amsterdam, si spara.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...