Il grande rientro
Le prime avvisaglie del rientro alla normalità sono state lunedì mattina, quando passando lì davanti avete visto che aveva riaperto il club dei travestiti, dopo mesi di "Chiuso per lavori" attaccato al portone. 
Poi c'è stato il traffico crescente e stamattina la pioggia, che ha addirittura creato l'ingorgo.
Con l'arrivo di settembre si sono moltiplicati gli impegni: la Vogue Fashion Night, il Taste of Milano, la serata con il Gruppo di Lettura Reale su anobii (perché ti sei imbarcata nella lettura de "Il signore delle mosche" a questa età qualcuno può spiegartelo?).
La Cucina Italiana ti manda il calendario corsi e tu pensi tutti i giorni a quello sui cupcakes (ma perché non fanno piuttosto un corso di utilizzo della sac-a-poche e che sia finita?). Vorresti fare milioni di dolci e pensi: "finalmente".
Sì, finalmente sembra esserti passato il disinteresse per la cucina e in particolare per la pasticceria e muori dalla voglia di metterti davanti al Kitchen Aid coi tuoi impasti, sperimentare, fotografare, postare. Perché sei qui in ufficio invece? Perché non hai comprato la panna e un'altra confezione di uova?
La risposta sta nella app che hai scaricato sul telefono, che si chiama Shape Up e conta tutte le calorie che ingurgiti, se hai la buona educazione di segnarle con giudizio. Funziona abbastanza: hai già perso un chilo mantenendoti sul regime calorico suggerito. Il fatto è che non puoi pensare di andare avanti così fino a novembre rinunciando a tutte le cose che ti piacciono.
Oggi è tornata la tua capa. Ha detto se andate a pranzo insieme. Non ne hai nessuna voglia.
E devi ancora scaricare tutte le foto della vacanza in Toscana. In più mancano meno di quattro mesi a Natale e questo sì che fa paura davvero, come tutti gli anni.

Annunci

8 commenti

Archiviato in Senza categoria

8 risposte a “

  1. Hai detto bene, il fantasma del Natale incombe già e anno dopo anno fa sempre più paura.

  2. Io invece proprio in questo periodo,agogno al natale per via delle vacanze…bentornata lise

  3. Lo diceva semrpe la mia nonna, "pasà Feragust, l'è subit Nedal"

  4. vedo che la paura del natale scalza anche l'effetto travone alle otto del lunedì mattina.

  5. e poi c'è pasquetta, che ogni anno mi resta così difficile da organizzare…

  6. Be', un bel rientro °__°

    Ciao 😛

  7. Paola, te lo dico con un bel po' di ritardo ma mi hai fatto riderissimo
    pepper: mi sa come tutti 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...