Archivi del mese: giugno 2010

Ultimo post della stagione, prima del grande evento. Da domani sei in ferie e sabato parti per il viaggio di nozze, destinazione Brasile. Proprio in tempo per perderti i saldi.
Rientri il 28 luglio. Baci a tutti, buone cose, quando c'è la salute.

Questo post è stato scritto ridendo moltissimo.

Annunci

22 commenti

Archiviato in Senza categoria

La fine del mondo è vicinissima. Tutti a pentirsi, presto!
Giovedì prossimo ti sposi

61 commenti

Archiviato in Senza categoria

Il disastro che hai in testa
Solo pochi mesi fa scrivevi entusiasta della tua scoperta di Coppola il parrucchiere e di come ti avesse ben conciata e che valeva la spesa e vissero tutti felici e contenti. E ora sei qui a domandarti perché tutti i parrucchieri si smentiscano al secondo appuntamento.
Hai dei capelli orrendi. In parte sarà anche colpa tua, che nell'ultimo anno hai usato phon e spazzola molto più che nei trentasette precedenti. Ma se non lo facessi saresti assolutamente impresentabile, con ciuffi di capelli tremendi che sparano a destra e a manca. Poi, il colore che ti ha fatto è mostruoso. E' color "capello rovinato", sei sicura che sulla confezione ci sia scritto proprio così, in mezzo alle tinte mogano, nero profondo e biondo marylin.
Ti viene il sospetto che Coppola stia per "mettiti in testa una coppola e va'", ma a questo punto tanto vale andare da un qualsiasi parrucchiere cinese, che ti costa un decimo. E farti il colore a casa, come facevi prima.
Intanto se qualcuna delle gentili frequentatrici di questo blog ha dei suggerimenti per ricostituire una chioma rovinata, ogni commento è ben accetto.
A proposito: a casa hai l'olio di semi di lino, qualcuna sa come si usa?

35 commenti

Archiviato in Senza categoria

Stanotte sei andata a dormire tardi per finire "Le perfezioni provvisorie" (che avevi cominciato proprio ieri sera) e mentre ti infilavi nel letto con Stear e la Pina che già dormivano da ore, pensavi che è questo che sei tu. Tu sei quella che legge fino a tardi e che non potrebbe vivere senza i libri. Che il resto della tua vita, anche tutto ciò che è bello e ti rende felice è un contorno a questo tuo amore per la lettura.
Lo sai che leggi poco, rispetto a coloro che hanno la tua stessa passione. Ma non è mica una questione di quantità e nemmeno di qualità. E' questione di come ti senti, di come stai mentre leggi o dopo aver finito un libro. E di come stai invece in quei giorni in cui non riesci a leggere e al massimo sfogli le tue amate riviste di cucina.
Così se devi domandarti di cos'è fatta la tua vita, basta le domande sulla realizzazione personale, i sogni, il lavoro che non ti piace, vincere, perdere X. Perché alla fine è tutto funzionale a questo. E perché non c'è nulla della tua vita attuale a cui non rinunceresti per i libri.

18 commenti

Archiviato in Senza categoria

Stima e rispetto non sono la stessa cosa, ma ti sembrano intimamente collegati. Forse è arrivato il momento di cominciare ad avere rispetto per ciò che sei, ciò che vuoi e ciò che desideri. E' anche arrivato il momento di pretendere questo rispetto.
Non tutto è ciò come sembra e ci sono mondi sotto la superficie.
Il tuo oroscopo dice: "Il talento ferito guarirà nel momento in cui smetterai di pensare che è ferito e capirai che è solo immaturo". A volte ti vien voglia di schiacciare l'oroscopo contro il muro come un grillo parlante. E però il grillo parlante ci aveva ragione.
Ma uffa.

5 commenti

Archiviato in Senza categoria

Ultimamente, quando tornate a casa dal lavoro permettete alla Pina di scendere in giardino per un po'. Ogni giorno che passa si allontana sempre di più, inseguendo un gattone rosso che ha l'aria di saperla molto lunga e che se la fila pochino. Poi si disorienta e se da un lato non vuole rientrare, dall'altro si spaventa e va a finire anche dove non vorrebbe. Ieri è finita in strada e ti sei dovuta far aiutare dal moroso per acchiapparla e riportarla in casa. Tremava tutta ed era sudatissima, però poi si è tranquillizzata e sembrava contenta di essere tornata alla sua casetta sicura piena di buon cibo. Il gattone rosso invece aveva un'aria di sfottò che gli hai invidiato moltissimo e si capiva bene che mentre chiamavi la Pina sempre più disperata lui pensava: "Guarda questa stupida umana come si dà da fare inutilmente".
Il che ti sembra abbia un sacco di analogie col tuo presente in generale, ma non è che adesso vuoi fare delle riflessioni profonde mentre invece di scrivere qui dovresti lavorare alla procedura 07 versione 4.
Venerdì hai traslocato di ufficio. Adesso stai in fondo al corridoio e dovrebbe essere più silenzioso di prima, ma non è sempre vero. Però non c'è più nessuno che ti guarda nello schermo del pc e questo è già un miglioramento. Nel frattempo anche la collega Emily è stata sfrattata dal marketing, senza che lei lo volesse e senza che qualcuno le chiedesse un parere al riguardo. Lei ovviamente è amareggiata e delusa, anche più di quanto fosti tu a suo tempo. Tu ti fai un sacco di domande su queste persone, che fanno e disfano come monarchi assoluti, sul destino dei loro sottoposti peggio che fossero servi della gleba. E la motivazione delle risorse blabla. Il peggio è che dopo hanno pure la faccia tosta di chiedere come va, fingendo che gli interessi davvero.

10 commenti

Archiviato in Senza categoria

Non sai dire se sei effettivamente triste o se semplicemente hai sonno. Certo, il cielo opaco e la formazione obbligatoria non mettono allegria. Ma ti succede sempre di essere triste quando nei film senti la frase: "la vita ti passa accanto".
Poi non dormi la notte e così il giorno dopo hai sonno.
Ti passa accanto senza che tu la veda? Sei tu che l'hai lasciata andare o semplicemente non c'era per te più vita di così? Come potrebbe essere? Come vorresti che fosse?
Dove passa, qual è la strada se non sai nemmeno dove vorresti andare?
Chi e come vorresti essere?
E come sono quelli che hanno in mano tutte le risposte mentre tu lasci che le cose ti accadano senza deciderle mai?

18 commenti

Archiviato in Senza categoria