Una riunione
La riunione era programmata alle quattro, inizia invece alle cinque.
C’è la tipa tutta provocante e vestita aderente, con rossetto rossissimo, che non aggiunge niente al contenuto, ma si limita ad annuire con la testa nei punti salienti presentati dai due oratori. Non sembra cattiva, ma quando ti togli la giacca ti guarda male.
C’è il genio del sistema, un vero signore, con leggero accento veneto spiega i punti salienti e tecnici del progetto in perfetto italiano, limitando più possibile parole tecniche e straniere.
C’è l’oratore, abbigliato come credevi non si usasse più dagli anni Ottanta: con la camicia aperta sul petto villoso e i bottoni che gridano ad altezza pancia. E’ una persona intelligente, ma non ti piace quel suo essere troppo sicuro di sé (il termine perfetto, lo ricordi ai lettori attenti, è abbaione). Mentre parla fa battute a proposito, il dramma è che aspetta che il pubblico abbia riso, per ridere lui, quando gli altri hanno finito, ride esageratamente e troppo a lungo per la situazione e per le battute in sé, in pratica si fa le risate preregistrate da solo, peccato che sbagli a farle partire. Si perde a lungo in inutili digressioni che andrebbero invece riportate al discorso principale.
Alle sei e un quarto ti alzi per andartene, che hai un impegno altrove (già prenotato da tempo) e l’Amministratore Delegato ti guarda storto. Scoprirai poi che la tua collega Emily viene costretta a restare in riunione fino alle otto e un quarto, nonostante le sue ripetute richieste di andarsene per problemi coi treni. Gli altri dopo la riunione se ne vanno a cena, Emily deve farsi venire a prendere da suo padre, altrimenti non potrebbe rientrare a casa.

Annunci

17 commenti

Archiviato in Senza categoria

17 risposte a “

  1. Certo che la riunine di venerdì…..

  2. venerdì è oggi, ieri era giovedì

  3. conosco, conosco, purtroppo conosco la situazione…

  4. dea, me lo immagino. che poi, l’ad oggi ha mandato una mail a tutti per ringraziarli della riunione di ieri tranne a me e alla mia collega. ma ti pare?

  5. ginevs

    che simpatia l’ad!

  6. fores la tipa era un’analista del comportamento, tipo fbi. o era sola un valore aggiungo, aka gnocca.

  7. Grazie per “abbaione”, mi è molto utile di questi tempi!

  8. secondo me la tipa ti ha guardato male perché hai più tette di lei.
    l’abbaione è un personaggio da film, complimenti per la descrizione (meno a lui per l’abbigliamento…)

  9. canto, no, più grosse non direi, però ero seduta proprio accanto al genio del sistema 🙂
    abbaione über alles

  10. l’italia è un paese fondato sulle riunioni (e sugli abbiaioni)!

  11. Io li odio. Li odio proprio. Questi che pensano che per il solo fatto che ti pagano uno stipendio, la tua vita debba essere dedicata a loro oltre le 8 ore. Sono quelle cose che mi fanno vedere rosso e che mi hanno francamente stufato.
    Hai fatto *benissimo* ad andartene.

  12. nell’ordine, ho pensato:
    1. la stessa cosa di canto
    2. la stessa cosa di viridian

    poi ho riso su “abbaione” (che è meglio ridere, almeno un po’). pensandoci, ho riso fuori tempo proprio come il tizio. ohibò.

  13. e questa è la prova che il potere logora FISICAMENTE chi non ce l’ha

  14. A Viridian: per quello che mi riguarda, mi pagassero almeno un buono stipendio, mi sacrificherei più volentieri.
    caroline

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...