Time is waiting. We only got four minutes to save the world.*

Da giorni, per lavoro, stai tentando di scrivere il prologo a una serie di testi noiosissimi. Ti scavi nella testa e butti giù una serie di incipit di prologhi altrettanto noiosi che cancelli furiosamente. Poi, l’altra sera, mentre stendevi il bucato ti è venuta una buona idea che ti si è srotolata nella testa alla perfezione e ti sei detta: "Ottimo, domani lo scrivo". L’indomani non ti ricordavi più niente. Non una parola. Che disdetta.
Vivi una vita al condizionale. Coi tuoi potresti e dovresti ci si può riempire una valigia di ritorno da Pechino con dentro una medaglia per una displina qualsiasi. Che poi, ti domandavi: va bene l’oro, va bene il bronzo, ma l’argento si ossida. Che, gli atleti si lucidano le medaglie col Sidol dopo qualche mese? Se la signora Sensini o la signora Idem passano di qua, innanzitutto congratulazioni, poi se vogliono dare una risposta è la benvenuta.
Coi tuoi potresti e dovresti ci si può riempire un carrello della spesa che non hai mai voglia di fare, per esempio per non trovarti davanti a scelte difficilissime quali la crema di yogurt 0,1% di grassi Müller oppure gli yogurt Yomo al cioccolato bianco con granella di nocciola, entrambi in offerta (va da sé che hai scelto il cioccolato). E nemmeno ti capiterebbe di incappare in modelle altissime, magrissime e bellissime che sventolano il loro iPhone davanti alla cassa. Cioè: passi altissime, bellissime e magrissime, ma l’iPhone è proprio un’ingiustizia. Certo, si potrebbe anche non farla la spesa, così non avresti nulla da mangiare e forse dimagriresti, ma il guaio è che stavi per finire la cartaigienica e sì, potresti fare a meno anche di quella, ma di sicuro non lo vorresti.
Coi tuoi potresti e dovresti ci si potrebbe riempire magari anche lo scaffale dei best-sellers in libreria o più modestamente quello delle case editrici di nicchia. Invece no.
Chissà quante cose avresti potuto fare, invece di scrivere un prologo noioso, che faresti anche meglio a sbrigarti, che l’ispirazione ti è tornata, ma tra cinque minuti potrebbe non essere più qui.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

0 risposte a “

  1. Ohmmachebelpost.
    Quella cosa dei testi succede anche a me. Ora ho imparato a scrivermeli sul cellulare o sulla moleskine, per riguardarli il giorno dopo, anche se a volte sono capace di dimenticarmeli nel tragitto idea-sua stesura. Oppure il giorno dopo, quando mi servono, li trovo meno interessanti di quanto sembrassero.
    E poi: condivido i condizionali e quel tipo di scelte difficilissime. 🙂

  2. be’, sì, probabilmente non è che fosse ‘sto granché, ma almeno mi pareva adatto e scorrevole, invece ora… 😦

  3. a me questa cosa dell’iphone succede sempre. mi do una soglia di accettazione dell’inarrivabilità. poi scatta il particolare, tecnologico, o modaiolo, al quale sai di non poter arrivare mai e lì puff.
    ma il muller non fa male? sapevo che era transgenico.

  4. conigli, davvero? allora ho fatto bene a prendere lo yomo, grazie per l’info

  5. si si, per via di quello che fanno mangiare alle loro povere mucche. io di solito compro o i granarolo o quelli bio, che si trovano pure ai despar e sono buonissimi (prova quello mirtillo e germe di grano se lo trovi)

  6. A me gusta assai Total, yogurt greco ma si trova anche da noi, con il miele poi è una delizia, mooolto consigliato.

  7. Scusa, ma l’asterisco iniziale a cosa rimanda?

  8. conigli, in effetti anch’io spesso compro i granarolo, sono buonissimi! grazie per il consiglio, anche a elesole (lo yogurt greco mi fa ripensare alla vacanza a mykonos… sospiro)
    dave: a niente, come Wallpaper* 🙂
    (in realtà è un verso di “4 minutes” di Madonna, ma mi pareva brutto citare la fonte, così l’asterisco sta solo a significare che è una citazione)

  9. a me l’iphone non piace. davvero, eh.
    lo yogurt, solo quello acidissimo magrissimo schifosissimo.

    io vivo una vita al condizionale, ma in particolar modo secondo il periodo ipotetico del terzo tipo.

  10. guarda cinas, in realtà mi attira solo in quanto status symbol, poi non saprei cosa farmene, che possiedo due cellulari e come dissi una volta, l’unico uso che ne faccio è come sveglia. epperò la fashion victim che c’è in me eccetera
    (certo, il potrei diventa dopo cinque minuti “avrei potuto”)

  11. Il problema è che anche qualora dimagrissi per mancanza di cibo, temo che nessuno ti regalerebbe l’iPhone! Mondo crudele! ;-p

  12. infatti no, tanto vale comprarsi la cartaigienica insomma

  13. Come sarebbe a dire purtroppo? o_O

  14. io sono schiava della marcuzzi e dei suoi yogurt.
    le modelle con l’i-phone ce le ho davanti quasi tutti i giorni per via del lavoro, francamente l’idea di dimagrire per farmelo regalare però non m’era mai venuta… :S

  15. ahahah freesia, l’idea di dimagrire in realtà è a prescindere 🙂

  16. Mi accodo al sospiro per la terra greca, ognuno fa quel che può per mantenere vivi i ricordi 🙂

  17. anonimo

    Mi sembra di capire che il tuo lavoro consiste principalmente nello scrivere…Se non sono invadente, posso chiederti di cosa ti occupi? Sei una scrittrice? Giornalista? Redattrice? Copywriter?O nessuna delle quattro…?
    Perdona la mia curiosità…Marissa!

    PS: comunque, davvero carino questo post!

  18. grazie marissa!
    lavoro nell’ufficio marketing di una società di servizi e faccio diverse cose (organizzo e presenzio agli eventi, tengo i contatti con l’ufficio stampa, cose così). tra le varie cose abbiamo anche una rivista trimestrale (molto di settore, non va in edicola), che viene gestita esternamente, ma per la quale devo scrivere l’editoriale. per cui a volte mi capita di scrivere, ma non spesso

  19. Di dimagrire con me non se ne parla proprio.
    Direi che è argomento per mia moglie (contro di me, ovviamente).
    Comunque, sulla scelta dello yogurth non c’è proprio storia.
    (Modelle magrissime con quella chiavica di “I Phone”? Gesù, ma dove finiremo?).
    🙂
    Dan

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...