Un’ossessione vale l’altra
Tempo fa un tuo lettore commentò uno dei tuoi deliri estetici con qualcosa tipo: "Ti ci vorrebbe una guerra". Nonostante tu continui a non apprezzare l’assenza di tatto, concordi con il senso. Che ti occupi della tua (mancanza di) bellezza solo perché non hai nient’altro a cui pensare.
Sì, sei una donna fortunata, ma sei anche un’isterica, perciò non puoi essere soddisfatta. E siccome un’ossessione vale l’altra, ed è caratteristica delle donne Ariete autocommiserarsi (certo non di tutte, vero Lady?), tu sei ossessionata dalla tua inadeguatezza esteriore.
Sabato mattina, stringendo tra le braccia il tuo bottino dell’edicola (MarieClaire2 bellezza e l’ultimo numero di Velvet) di domandavi se fosse la tua perenne frequentazione di riviste di moda, benessere e simili a causare le tue crisi di inadeguatezza al modello proposto.
Poi ti ha telefonato Stear e ti ha chiesto cosa avevi fatto il venerdì sera. Tu gli hai spiegato che eri uscita con la Wonder e hai commentato: "Ero la più vecchia e la più grassa di tutto il locale" e lui ha risposto solo: "E che locale era?"
La dura verità che non riesci ad accettare è che le donne bellissime esistono eccome e non solo sulle pagine delle riviste, ma pure le vedi passare sotto casa tua e ce le hai sedute accanto nei tavolini dei locali che frequenti.
Quando dici che sei terrorizzata dalla futura convivenza il tuo interlocutore risponde spesso che il problema maggiore non sarà la coabitazione (questo perché legge la propria mappa e non la tua), ma la zona dove vai ad abitare. A te, vista l’ossessione, la zona di periferia appare improvvisamente come un plus. Non più modelle sotto casa, non più strafighe tirate a lucido nei locali patinati (quali locali?).
Fine del paragone continuo, fine del senso di inadeguatezza (probabile slittamento verso un’ossessione nuova).
E per completare l’opera cancellerai l’abbonamento a Elle e lo rimpiazzerai con… con… boh, Rakam?

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

0 risposte a “

  1. E’ vero, io non mi autocommisero. Ma analizzo le mie imperfezioni, micro o macro che siano, e cerco di venire a patti con loro. Le aspiranti Veline che vedo alla tv, con la pancia piatta, quelle cosce tornite e sode e senza smagliature (che io non ho più da decenni), non posso certo considerarle un “modello” per me. E nemmeno le cinquantenni come Sharon Stone – come dissi giorni fa – sono un riferimento: chi lo sa come sono realmente e quali “mezzi” usano? Ma una cosa la so: dipende dalla mia età. A un certo punto, smetti di misurarti con modelli utopici. A volte, anche molto prima.
    Detto questo, adoro le riviste di moda (pure io sabato ho comprato Velvet). Adoro vedere cose belle, le foto che fanno sognare, adoro riuscire a trarne idee, capire che un certo capo valorizzerebbe i miei punti forti, anche se poi vado da Zara e non lo trovo. In pratica, sono la lettrice-tipo di ogni magazine.

    Detto questo, 1) Secondo me Stear non ha dato peso alla tua frase “ero la più grassa del locale”, chissà perché. 🙂 2) Anche se vai ad abitare in periferia, non vuol dire che non frequenterai più i locali del centro, no? 3) A Rakam non ci credo nemmeno se vedo il bollettino di abbonamento compilato. 😉

  2. la seconda frase della lady mi piace da pazzi.
    (poi io me ne frego. la bellezza sta in tante cose- negli sguardi, nelle parole, nei pensieri soprattutto. nella pienezza di se stessi, nella propria interezza- e quando manca quella io mi preoccupo. però, son cose personali)

  3. ma lady, io non sono mica tanto più giovane di te e 4 anni fa secondo me tu questa consapevolezza già ce l’avevi. anche a me piace vedere cose belle o leggere gli articoli sulla moda del passato (velvet ne ha sempre uno e io li adoro), infatti non penso che sia da quelle riviste che mi viene l’inadeguatezza, ma proprio da dentro
    1) oh poverino ci è talmente abituato. sabato sera mi ha rimproverata per questo, così domenica mi sono sforzata di non esternare paranoie 🙂
    2) certo che no, ma la moderazione magari aiuta
    3) era un’idea. che ne dici di gente motori? 🙂

  4. aljia, ma è un’ossessione. se non fosse quella sarebbe un’altra e pensereste che è altrettanto irrazionale

  5. sono lì apposta per essere superate (curate, sconfitte, debellate- scegli tu) le ossessioni

  6. case e giardini mi sembra effettivamente interessante. ma se poi inquadrano qualche proprietaria figa? 🙂

  7. alja, infatti è una cosa che sto prendendo in considerazione

  8. ribadisco quello che ho scritto poc’anzi in precedente post. lise mi sa che l’ottico serve a te 😉

  9. Elle no, non puoi lasciarlo, lo sai bene 🙂
    Se proprio vuoi abbonarti a Rakam, fallo pure. Personalmente, aggiungerei anche Mani di Fata 😀
    Stessa osservazione di LadyK: chissà perchè Stear non ha neanche considerato la tua affermazione sulla più brutta e grassa del locale… 🙂

  10. dea, non ho detto la più brutta e grassa, ma la più vecchia e grassa. 🙂
    a proposito di questo, a un certo punto un tizio seduto dietro di noi ci ha approcciate con qualcosa tipo: “parla ingles?” era talmente giovane che la wonder gli ha subito risposto di no (lei è quasi bilingue!)
    🙂

  11. Hahaha, ma anche su Rakam c’è questo rischio!
    (Il fatto che abbia usato la parola “imperfezioni” invece che “difetti” dà un’idea della mia forse esagerata autostima… 😉

    (E il fatto che abbia scritto 2 volte “detto questo”, io che detesto le ripetizioni, dà un’idea dei colpi che inizio a perdere. Ma domani ho l’esame di spagnolo e forse sto trascurando l’italiano!)

    PS: Queste riflessioni sul corpo e l’età (che porto avanti da tempo) mi stanno spingendo verso una “nuova” idea che attuerò in seguito.

  12. hai ragione. mi abbonerò a una rivista di bulloni e chiavi inglesi. lì, se proprio devono inquadrare qualcuno potrebbe essere un operaio muscoloso e tutto sporco. uhm….

  13. scusa, lise, per il refuso… stavo pensando a me, che oggi mi sento brufolosa e gonfia…:(
    resta il fatto che tu non sei neè grassa nè vecchia (Lise, siamo coetanee, come puoi solo pensare che siamo vecchie!!!! 😀 La vita comincia tra… quattro anni, che è che diceva “La vita comincia a 40 anni?”)
    Comunque, la cara Lady è sempre la più saggia 🙂

  14. Parlando con un amico l’altro giorno delle prossime vacanze che, probabilmente, saranno in grecia con un’amica molto carina, ti ha chiesto :” Ma sei sicura di voler andare in vacanza con lei? Non hai paura che il tuo fidanzato faccia il cretino con lei?”…
    ora tolto che mi fido piuttosto ciecamente (e immotivatamente) del mio fidanzato…. mi ha fatto sentire come se fossi l’ultima delle racchie sul pianeta e dintorni…
    ecco, per dire quanto ti capisco. cerco come una matta di non pensarci, e poi arriva la bocca della verità!

  15. ma io non dicevo che siamo vecchie in generale. però ero oggettivamente la più vecchia del locale. come dicevo nel post forse devo smettere di andare in certi locali (questo tra poco lo dirà anche ubi, lo sento)

  16. julia, io penso di andare a cuba dove sarò contornata di cubane, quindi ti puoi immaginare. non riesco a capire come mai stear abbia occhi solo per me eppure è così
    comunque perfino io sono in grado di capire che l’amico ti ha detto una cosa molto stupida. tutti noi siamo circondati da persone belle, se uno vuol fare il cretino non ha bisogno di andarci in vacanza

  17. qualche volta mi chiedo anche io se sono il più vecchio dei locali (quelle rare volte che ne frequento), poi mi accorgo che c’è sempre qualche emulo di br14tor3 o c4v4ll1 in giro, e mi tranquillizzo.

  18. cavoli oltra, venerdì non ce ne erano (di martedì ammetto che a volte qualcuno capita)

  19. Pensa Dea, sono saggia anche se la mia vita è “appena cominciata”. :-DDD

  20. Dialogo di venerdì sera (cena tra 4 amiche):
    “Ormai andiamo solo a cena, nei locali i ragazzi potrebbero essere nostro figli”.
    La più ottimista dice “Ma l’importante è non dimostrare la propria età!”
    Coro delle altre: “La dimostriamo, la dimostriamo…”

    Io ho tagliato il problema dell’età alla radice non frequentando – quasi – più certi locali (mmmh, i locali in genere, direi).
    Sul problema del non essere fisicamente come vorrei, cerco come scrive Lady K di “venire a patti” con i difetti. A volte è difficilissimo, ma ci si prova. 🙂

  21. evviva! una crociata contro le ossessioni:)

  22. un’ossessione vale l’altra
    però qualcuna fa più male

  23. alja speriamo. che se poi vi divento un’ossessionata dal punto croce? 🙂
    cristina: ma infatti, almeno non sono ossessionata dalla cocaina, tipo

  24. ti faremo decorare i cuscini per il divano e le borsette:)

  25. aha! questa è una manipolazione delle ossessioni per interessi personali

  26. ossessionata dalla mia inadeguatezza esteriore, dici. tu?…
    tu NON – SEI – INADEGUATA…
    se vuoi puoi ripeterlo come un mantra, tre volte al giorno preferibilmente dopo i pasti…

    e se proprio non ti convinci, pensa a me. Così avrai una pietra di paragone più realistica e ti passerà il dubbio: se confrontata a me tu sei MOLTO MOLTO MEGLIO…!!!
    baci

  27. se ti abboni ad una rivista di videogiochi poi me la passi? io mi vergogno ma una volta da mio nipote ne ho sfogliata una in bagno.

  28. monica, non dire sciocchezze. un’ossessione è un’ossessione. se per farla passare bastasse ripetersi cose che non si pensano, eh, da mò che mi sarebbe passata
    cinas: in realtà meditavo su banca & finanza, ma mi sa che lì sei già a posto

  29. anche se i tuoi lettori non l’hanno mai vista, io so che c’è una copertina di elle con te sopra!!!

    e se ti disabboni la rivoglio indietro subbbito.

  30. plettrude cinismo mode on.
    la ragazza del barista è bellissima. è oggettivamente più bella di me. è più magra, con un culo più alto, gambe più lunghe, occhi più grandi. questo non le impedisce di essere stata, pure lei, cornificata. essere belle, spesso, è uno spreco di tempo e energie.

  31. conigli l’avevo dimenticata! chissà dov’è finita…
    plett, a parte che non ho capito cosa c’entrino le corna (chi ha parlato di corna?), ‘sta a vedere che invece essere cozze è una figata tutto riposo. ma per piacere. certo, se una si vuole consolare oppure non le interessa, è una motivazione come un’altra. ma questa che essere bella è uno spreco di energie (!!!) non è convincente neanche un po’. quanto ci metto io a uscire di casa la sera? boh, un tempo infinito: provo venti cose e mi stanno tutte male. non posso uscire senza trucco (copriocchiaie, copribrufoli, opacizzante, fondotinta, fard e mascara come minimo). secondo te essere cozze è tutto riposo?

  32. no va beh era un commento acido che proveniva dal fatto di averla appena incontrata. ad ogni modo volevo dire che magari noi le vediamo bellissime, e poi magari loro si fanno problemi per altre cose. e che per essere belle per esempio non mangiano. e questa oggettivamente è una fatica.

  33. io conosco anche belle e magre che mangiano (giuro). del resto ultimamente nemmeno io mangio granché e non è una gran fatica, davvero. dipende.
    certo che magari si fanno altri problemi. l’essere risolti è una cosa interiore. se fossi bella forse avrei altre ossessioni.
    la prossima per esempio sarà quella dell’uncinetto. ieri alja si è già prenotata per una copertina 🙂

  34. cambiare locali frequentati (meglio niente) e trasferirsi in periferia è già un passo avanti.
    potresti pure mettere dei paraocchi tipo cavallo (scegli su la stoffa, l’importante è l’opacità assoluta) e via…senza sbirciare di lato però eh.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...