Thank God it’s Tuesday
I° episodio
La Wonder scende, si accende una sigaretta e dice: "Andiamo a vedere la vetrina di Pinko?"
Andate. Siete lì che giudicate tute, camicette larghe e borse giganti di vernice, quando intravedi una salopette muoversi dentro il negozio.
Strabuzzi gli occhi: "Ma è aperto?"
Girate intorno alla vetrina (si tratta di un negozio ad angolo) ed ecco che proprio sotto i vostri occhi compare un torso nudo di uomo supertatuato e con dei tricipiti da infarto. Senza dirvi niente tu e la Wonder zampettate nella stessa direzione per vedere meglio il tizio. L’operaio armeggia con cavi e attrezzi, vi dà le spalle e non nota la vostra presenza. Voi state lì per un po’ col naso appiccicato sulla vetrina, che Pinko non vi è mai sembrato tanto interessante, finché l’operaio non alza la testa e potete constatare che non è niente male anche di viso.

II° episodio
Tu e la Wonder siete sedute al Dom e chiacchierate amabilmente. Lei ti racconta di un collega della palestra: molto bello e completamente stupido.
Lei: "No, ma guarda, non ha neanche un neurone, però è proprio bello. E’ da portare in giro, per farti ammirare. Sai tipo quei cani bellissimi?"
Tu: "O come una borsa firmata"
Lei: "Ecco, sì. Tipo la mini Kelly, che è la borsa più figa del mondo, ma dentro non ci sta niente"

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

0 risposte a “

  1. VeraChicca

    “che Dio ce lo mandi bono”
    (remake profano di una ragazza religiosa)

  2. Secondo me una Kelly, per quanto piccola, è pur sempre più utile.

  3. ci sono borse con i neuroni?

  4. ah, accanto all’ufficio c’è un palazzo in ristrutturazione. la visione di operai tatuati mi causa sempre scompensi ormonali profondi.

  5. chicca: e possibilmente senza mutande (diceva mio cugino nella versione femminile del remake)
    caroline: infatti, almeno ci sta dentro il rossetto
    oltra: non so, però magari da una borsa non hai aspettative neuronali, da un uomo purtroppo a volte sì
    plett: come ti capisco. tu già mi leggevi quando avevo il palazzo in ristrutturazione e c’era l’operaio figo che passeggiava sui ponteggi davanti alla mia finestra?
    estate: grazieeeee!

  6. sì!mi ricordo!!! (secondo me non ti leggevo già, ma ho recuperato tutto l’archivio, quando ho iniziato)

  7. ecco, mi hai fatto venire voglia di Opera… Non certo per motivi culturali, ma perché le scenografie all’Arena vengono rimosse e sistemate ogni giorno da decine di operai: l’anno scorso, vedendoli lavorare a torso nudo ricordo di aver creduto nell’esistenza di dio. 🙂

  8. canto: ecco come stimolare nei giovani l’attenzione per la musica classica!

  9. Lasciamo stare che per due mattine, uscendo per andare in ufficio ho incrociato un gruppo di cinque operai discinti che sembravano la pubblicità della coca cola…

  10. gente, non mi linkate i video che tanto non li posso vedere

  11. Uff, mi hai tarpato, ecco!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...