Dopo quattro giorni passati con tuo padre, perfino Stear non lo sopportava più.
"Chissà come ha fatto tua madre a sopportarlo per tanti anni", ha commentato tua zia.
Per fortuna c’era il sole, il mare, ancora Ninfa e ancora Sermoneta.
Le bufale placide che brucano l’erba, si rotolano nel fango come ippopotami e producono latte per mozzarelle divine.
La promessa, più che mai, la prossima volta di venire in macchina per gestire le distanze con un mezzo affidabile. La Ritmo è ancora in circolazione, sissignori. Beve come una spugna e inquina come una petroliera, ma "a soli 62.000 chilometri, mica si può buttar via una macchina" (tuo padre dixit). E insomma, non c’è verso di fargliela cambiare, come non c’è verso di fargli cambiare idea su un sacco di preconcetti.
Un sacco di persone con una vita normale credono di avere vissuto aneddoti interessantissimi e divertentissimi e perciò si beano di annoiare il pubblico (più o meno nolente) con le loro noiose vicissitudini. Detto da te che hai un blog in cui racconti i tuoi noiosi aneddoti può sembrare un controsenso, ma il buono è che chi si annoia su internet può passare ad altro velocemente, mentre non esiste una X in alto a destra per vicine di treno con l’hobby della banalità ad alto volume.
Ma la notizia più importante la devi ancora dare: in seguito a passaggi, uscite e rientri, il tuo pubblico può festeggiare insieme a te il ritorno del Fattomodello, promosso ad archivista dell’ufficio dove stavi prima, che dopo quattro mesi per la prima volta ti dispiace aver lasciato.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

0 risposte a “

  1. lise, a me i tuoi racconti piacciono e divertono un sacco:)
    (quattro giorni con mio padre, ecco, non so se potrei reggerli!)
    e, bestiaccia che sono, io ancora non sono andata né a ninfa né a sermoneta!

  2. 🙂
    a ninfa siamo dovuti andare due volte: la prima volta c’era troppa coda!
    da roma credo organizzino gite in pullman per entrambi i posti: se trovi qualcuno con sufficiente senso dell’umorismo per affrontare una gita in pullman con tutti i suoi annessi può essere una buona idea

  3. non so se ce l’ho- il senso dell’umorismo:)

  4. io 4 giorni con mia madre non resisterei. com mio padre sì, nessun problema.

  5. alja, mi fai sempre un sacco ridere 🙂
    cinas: i genitori sono una razza faticosaaaaaa

  6. che bello sei tornata nei preferiti!

  7. anche mi padre aveva una ritmo blu scuro, l’acquistò nel 1982 e io ero così felice perchè la vedevo elegante e dissi quando la vidi: “che bello questa macchina mi accompagnerà fino in chiesa per la prima comunione”. ero una pazza esaltata.

  8. plett: ho smanettato un po’ e ha funzionato! 🙂
    ossi: quella di mio padre è dell’80 e se va avanti così, altro che comunione: mi porterà all’altare 😀

  9. Qualcuna ha detto “altare”? ALT! 😉

  10. taroccare nottetempo il contachilometri e aggiungere un uno davanti al sessantaduemila?

  11. A.A.A. cercasi brevettatore di telecomandi con cui spegnere le persone moleste sui mezzi pubblici.

  12. canto: hai visto mai che spegnesse pure mio padre 🙂
    oltra: ma non ci arriva fino a 100.000 quel contachilometri: superati i 99.999 si azzera

  13. A me è bastato un giorno e mezzo con i miei per distruggere tutto il lavoro psicologico che ho condotto su me stessa in un anno lontana

  14. oddio plastic, non a questi livelli! diciamo che mio padre è un gran rompiscatole 🙂

  15. Era solo per farti sembrare la tua situazione un piccolo paradiso eheheh

  16. La Ritmo di tuo padre mi ha fatto venire in mente una canzone della Cortellesi, che si intitola “No perditempo”.

    Se vuoi guardarti il video su youtube:
    http://it.youtube.com/watch?v=ORPOXO7S7DQ

    In ogni caso la parte finale del testo è:

    Vedova ancora piacente
    contatterebbe ancora distintissimi
    cerco casa al mare nei pressi di Orvieto
    sgombero cantine con automezzo proprio a prezzi modici
    vendo paracadute usato una volta (e mai apertosi)
    vendo Ritmo dell’88
    occasionissima 6000 euro
    chiamare Franco la domenica ore pasti
    Dell’88
    6000 Euro
    Ore pasti
    Franco…magna pure tranquillo

  17. mary, purtroppo non posso vedere i video su youtube, ma il finale della canzone mi ha fatto ridere assai

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...