E’ sconcertante come in tanti si sentano in dovere di dire agli altri cosa devono fare e come devono vivere la propria vita. E’ sconcertante come in tanti se ne vadano in giro con la verità in tasca e non si contentino di tenersela in tasca, ma sentano la necessità di imporla a chiunque gli stia intorno.
Perché c’è gente che ha l’hobby di indagare la vita privata altrui, di questionarci sopra per poi lasciar cadere dall’alto preziosi consigli non richiesti?
Perché c’è gente che insiste a farti domande personali e a chiederti conto di scelte private? Perché vuole sapere come le tue scelte saranno vissute da chi ti sta intorno? Perché danno per scontato che se loro in una determinata posizione farebbero una data cosa allora la devi fare anche tu?
Perché farsi i fatti propri è un’arte così trascurata?

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

0 risposte a “

  1. Non potevi riassumere il mio pensiero odierno in maniera migliore

  2. 🙂 meno male che non siamo le uniche a pensarla così

  3. lise, sottoscrivo ogni singola domanda di questo post. il famoso pacchettino di cazzi propri no, eh.

  4. facciamo la guerra del pacchetto? 🙂

  5. pacchettini e forchettate di cazzi propri per tutti:)

  6. anonimo

    La gente che si comporta così è perchè non ha una sua vita da vivere o ha paura di vivere la propria, facendo così vive quella degli altri e non rischiano niente.
    Purtroppo di persone così ce ne sono molte, troppe e la cosa più trieste è che si perdono negli altri mentre la loro vita passa.
    Claudia

  7. ehm.. Lise, noialtri mettiamo i fattacci nostri su splinder e compagnia bella.. che ci aspettiamo?
    🙂

  8. fammi indovinare qulacuno ti ha chiesto se festeggi S. VAlentino e al tuo no, è rimasto basito…no perchè a me oggi è successa una cosa del genere :))))

  9. Claudia hai detto una cosa molto saggia che condivido in pieno!
    oddio body, ma io parlo anche di gente fuori dal blog (anzi, soprattutto!)
    ossi: questo non è ancora successo, ma succederà a pranzo, ne sono certa! 😉

  10. gmai

    ummm, io ho un pò la sindrome del “che ti è successo? ti va di parlarne”…ma non è che voglio farmi i cazzi degli altri è che io sono una preoccupona di natura…sarà che quando gli amici hanno un problema chiamano sempre me che poi ho sviluppato l’orecchio da “medioman qualcuno ti chiama”? 🙂
    insomma lise…è questo che intendi?
    è grave? :/

  11. no gmai è più: tu e stear vi sposate? ma non è ora che vi sposate? ah, tu non vuoi? e lui che dice? ma non volete bambini? ma sei tu che non ne vuoi allora, e lui? lui cosa dice? ma non puoi non volerne, vedrai che poi cambi idea.
    e via discorrendo

  12. 🙂
    che poi, come giustamente segnala ossimoro si estrinseca anche in cose più stupide tipo: ma cosa fate stasera? ah niente? ma siete i soliti ciniconi. ah, sei tu che non vuoi festeggiare? e lui cosa dice? ma dai, è la festa dell’ammmmmmore!
    insomma, ci siamo capite

  13. letto oggi, sembrerebbe un post politico. sempre che la libertà di decisione per una donna debba essere una questione politica.

  14. scusa: però ti conosco e so che non lo è.
    🙂

  15. lise: è vero è proprio così :))))))))

  16. mai mai mai festegiato sanvalentino, e sì che non sono giovane.

    sul resto, le domande sui figli e sul perchè non vi sposate ho già dato anni e anni fa. una volta ho risposto che ero completamente impotente (con aria fredda e seria: la persona ha creduto che dicessi la verità e ha chiesto scusa).

  17. cinas, è una risposta che voglio dare anch’io al momento opportuno e con l’aria afflitta. sono sicura che a quel punto nessuno insisterà ancora
    ossi: lo so, lo so 🙂
    oltra: è un po’ tutto. è un po’ personale ed è anche una presa di posizione politica, ma non solo per le donne. che oggi la chiesa si è scagliata contro le unioni di fatto e sinceramente non se ne può più (mi è venuto uno sbuffo che mi si sono svuotati i polmoni)

  18. quoto tutto pienamente…
    oramai sono riuscita a sentirmi dire pure come dovrei pettinarmi e vestirmi…… e da lì fino a cose più profonde e personali………..

  19. Vabbè, mica chiedevano a Dante l’edizione commentata, eh! ;-p

  20. Io, ad uno che mi ha reiteratamente chiesto come stavo (in una giornata in cui molto palesemente NON STAVO), ho tranquillamente risposto: “Non hai mai pensato di farti i cazzi tuoi?” Funziona, davvero: o te ne liberi, o si diventa
    amici.

  21. vassilissa, ci potrei fare una maglietta, magari nera con gli swarowsky, sai che successone?
    (sì, ho una fissa per le magliette, lo ammetto)

  22. Mi unisco al coro… anzi, a tutti i cori che ho letto finora qui. Ti dico solo le ultime due, recentissime. ieri ho risposto a due colleghe diverse che mi parlavano una di sanvalentino e una del perchè non abbia ancora fatto figli:
    1) non l’ho mai festeggiato, non inizio a 33 anni. E poi festeggiare come? andare fuori a cena a guardare le coppie che non parlano? Brividi.
    2) un piattino di cazzi tuoi no?
    L’ho detto ironicamente, però vedo che di solito anche col sorriso funziona. 🙂

    Quelle che cercano di intrufolarsi nella mia vita sono spesso persone che si ergono a maestre di vita perchè deluse dalla propria.

  23. e perché tante di queste persone vanno in giro commentando blog?
    🙂

  24. erba, di solito come anonimi tra l’altro 🙂
    canto: per carità, se loro vogliono festeggiarlo ben contenti, ognuno fa come crede. stear viene a mangiare da me, che è una soluzione ibrida, nel senso che è venuto anche altre volte che non era una festa degli innamorati. non ci scambiamo regali e siamo contenti solo di stare insieme, come un giovedì qualsiasi

  25. VeraChicca

    E’ possibile che una collega qualunque abbia il potere di mandarvi in bestia per una domanda sul matrimonio o sui figli?? Insomma, non sposarsi o non avere figli non sono proprio cose mai viste oggi… Non capisco qs’ eccesso di vulnerabilità.
    (scusate)

  26. ginevs

    già, già… io devo dire che in generale sono abbastanza fortunata e la gente che conosco ha la tendenza a farsi gli affaracci suoi.
    Ma ovviamente ho le due eccezioni che confermano la regola: l’assistente del dentista e la ginecologa che puntualmente vogliono sapere perchè non mi riproduco e poi insistono che devo farlo perchè già sono un po’ vecchia e dovrei sbrigarmi prima che sia troppo tardi.
    E se ne aprofittano perchè quando fanno le domande sono in situazioni vulnerabili e non le posso sfanculare.

  27. vera, non è UNA collega: è l’assedio di tanta gente alla vita privata altrui. da chi condanna le unioni di fatto, le scene di sesso, l’aborto, il mio colore di capelli e la gestione del mio tempo libero. sono tanti gli argomenti in cui altri pensano di poter mettere il naso, non ultimo un vecchio sconosciuto che ieri mi ha chiesto perché mi facevo le scale a piedi con tono accusatorio.
    non capisco perché a questo punto se loro ficcano il naso nella mia vita (ma non solo nella mia) il problema sono io che sono vulnerabile. il mio punto di vista è che siamo circondati da rompicoglioni e i rompicoglioni mi fanno venire il nervoso
    ginevs: ma poi, mi pare che quelli che abbiano la tendenza a farsi i fatti altrui sono quelli con cui non si ha nemmeno un rapporto di comunanza (ovvero: che gliene frega all’assistente del dentista se non ti riproduci?)

  28. MIo padre commenta le domande/osservazioni inopportune dicendo in maniera gelida “hai perso un’altra buona occasione per tacere” …

  29. Oggi una persona mi ha ripreso dicendomi:” Mi hai mai visto fare quello che tu hai appena fatto?” e io serena, :”No” e lui… “ecco, quindi”…
    gli ho detto… con un sorriso, che se voleva poteva cominciare anche lui, che non gli avrei chiesto i diritti.
    non aveva parole! ho sorriso per non arrabbiarmi. anceh io detesto chi mi spiega cosa fare e soprattutto come farle!
    comunque…
    io non festeggio San Valentino… però se mi arrivasse un regalino stasera (in cui staremo a casa, perchè la cena al ristorante proprio non ce la potrei fare, anche se ci andiamo spesso, stasera proprio no) mica mi offenderei a dire il vero… 🙂

  30. gmai

    bella cinas!
    è vero che funziona farli sentire delle merde!!!

  31. VeraChicca

    sì, ma non sei una ragazza di 20’anni che si sta chiarendo le idee e dunque si sente minacciata se le si dà contro.
    Sei una donna che le idee se le è GIA’ chiarite e sta vivendo la sua vita in base a quelle.

    Ecco perchè mi stupisce che tu subisca tanto la negatività di qs gente. Tutto qui.
    Mica mi metti tra i rompiC ora? : )

  32. vera, io posso averne anche 100 di anni, ma cosa dà a LORO il diritto di dire come altri si devono comportare? è proprio un atteggiamento che non tollero, anche quando non è rivolto verso di me. ad esempio io non sono gay, ma non sopporto che ci sia gente che dice che i gay si dovrebbero curare (è solo un esempio).
    estate: tuo padre for president!
    julia: hai proprio fatto bene 🙂

  33. Perché è così più facile giudicare la vita altrui che mettersi a esaminare la propria.
    Ti quoto in toto.

  34. knice

    Circa 10 anni fa … il mio capo … che era un filibustiere … mi regalò una piccola pillola di saggezza … recitava supergiù così …

    “… se qualcuno sta cercando di mettertela in quel posto, e tu mentre lo fanno ti agiti, stai pur certo che loro godranno MOLTO di più …”

    Della serie … FREGATENE !!!

  35. ma chi ha parlato di “mettermela in quel posto”? mi sembra che il concetto sia completamente differente

  36. magari è gente ha nn ha una vita propria io in genere me ne frego…..:)

  37. oh, ma mica sempre ce ne si può fregare. c’è chi interviene sulla vita privata altrui anche politicamente. se i vescovi dicono che i gay non si possono sposare (che gliene frega ai vescovi?) i gay sono discriminati. se si comincia l’aggressione contro l’aborto (è GIA’ cominciata!) va a rischio anche la 194.
    facciamo attenzione a chi ficca il naso nelle nostre faccende private e pensa di poterci dire come dobbiamo vivere, perché poi se vota di conseguenza ne va del nostro futuro

  38. Assolutamente d’accordo con te. C’è una specie di virus nell’aria, roba da salotto di Buona Domenica o salotto buoni con quel merdoso di Giletti. Tutti ad indagare sui fatti degli altri. Poi la gente (mediamente) si sente autorizzata ad indagare manco fossero Dylan Dog, sugli incubi degli altri e non solo…
    Sto leggendo per la prima volta il tuo blog ed è molto interessante. Mi scuso per l’intrusione e ti saluto con piacere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...