Tu, con lo Strega a Niccolò Ammaniti per "Come Dio Comanda" non sei mica tanto d’accordo.

Annunci

24 commenti

Archiviato in Senza categoria

24 risposte a “

  1. nemmeno io, che il libro non l’ho letto e non ho nemmeno intenzione di leggerlo.

  2. io sono arrivata a metà circa, sbuffando un sacco e saltando pure dei pezzi, poi ho strabuzzato gli occhi e ho esclamato: “ancora? ancora la solita storia?”
    ebbasta con la menata della ragazzina stuprata su

  3. sai che non ho sentito/letto nessuno che si dica d’accordo con la scelta della giuria?
    io non ho mai letto nulla di ammanniti e continuerò così 🙂

  4. Ho apprezzato “Io non ho paura”, mi ha irritato parecchio “Ti prendo e ti porto via”, non ho letto altro suo. Una volta l’ho incontrato per caso in aereo, abbiamo chiacchierato un po’, era stato carino. Gli avevo detto “quandio scendiamo ci facciamo una foto insieme?” e mi ha detto di sì. Una volta scesi me n’ero dimenticata, mi stavo allontanando e lui mi è venuto dietro: “E quella foto?”. Mi ha fatto simpatia. Ma da qui a prendere lo Strega, insomma.

  5. Peggio di “Branchie” non può essere, ma la Francybi mi ha detto la stessa cosa di “Come Dio comanda”. Insomma, facciamo che leggo altro, ecco.

  6. “fango” e “ti prendo e ti porto via” mi sono piaciuti molto. “branchie” no. questo non l’ho letto.
    sono convinto che gli scrittori, i registi, i musicisti e i politici non possano continuare a fare le cose bene per molto tempo. c’è un punto in cui inevitabilmente la qualità comincia a peggiorare. evidentemente anche per lui quel punto è ormai passato.

  7. neanch’io.
    cosa c’entra un libro con un liquore?

  8. a me è piaciuto un sacco ti prendo e ti porto via. questo qui invece lo trovo pessimo. ma questi premi sono tutte mafie della case editrici!

  9. anche a me “ti prendo e ti porto via” era piaciuto molto. e anche “io non ho paura” non mi era dispiaciuto. “fango” invece proprio no, l’ho trovato ossessivo.
    tarab: forse che bisogna essere ubriachi per apprezzarlo? 🙂

  10. ecco, ma con tutto quello che c’èda leggere, perchè proprio l’ennesimo Ammaniti?
    ti preno e ti porto via è piaciuto anche a me, poi basta.

  11. ma per carità, ci sono scrittori assai peggiori di lui- però di qui allo strega, ce ne passa eh.
    (vorrei far presente che l’anno scorso ha vinto quella porcheria di caos calmo)

  12. Io “ti prendo e ti porto via” ce l’ho sul comodino da… tipo due anni… a metà… ma mica ho mai avuto voglia di finirlo. avevo letto “branchie” e a dir la verità, sotto l’ombrellone, non mi era dispiaciuto… ma se un autore non si lascia finire di leggere, beh, è raro che io legga ancora qualcosa di suo… quindi…
    beh, insomma ho detto la mia…

  13. yuki, io me l’ero fatto prestare perché speravo che fosse come “ti prendo e ti porto via”. invece avrebbe solo voluto e quindi a metà l’ho restituito. almeno non l’ho pagato. 🙂
    alja: io caos calmo non l’ho ancora letto, ma è piaciuto tanto anche a gente con cui condivido i gusti letterari, perciò sospendo a finché non l’avrò letto coi miei occhietti. ho però l’impressione che ultimamente lo strega sia diventato un po’ la copia del “bancarella” 😦

  14. preparati a una trashata invereconda- c’è una parte bellissima nel suo essere assolutamente ridicola. mi sono sbellicata:)

  15. alja sappi solo che ho appena finito di leggere “la cattedrale del mare”, non può essere più ridicolo

  16. Anche a me TI PRENDO E TI PORTO VIA e IO NON HO PAURA mi sono piaciuti molto, BRANCHIE cosi’ cosi’, quest’ultimo invece non l’ho letto perche’ aspetto edizione economica.Chissa’, forse i concorrenti erano mosci?

  17. guarda, non voglio dirti di cosa si tratta per non rovinarti la sorpresa- ma credo che sia imbattibile:)

  18. Ah behy, guarda, io non sono d’accordo su Ammaniti in generale… 😉

  19. Dico anch’io la mia. Odio Ammaniti, mentre Caos calmo è un Libro come non ne leggevo da parecchio (parlo dei contemporanei italiani). Bellissimo, te lo consiglio.

  20. lo spero proprio perché ultimamente sto leggendo solo libri che non mi piacciono!
    🙂

  21. mah.. io ho apprezzato molto sia ti prendo e ti porto via, che come dio comanda. la trovo un’evoluzione naturale in uno scrittore.

  22. anonimo

    Concordo pur non avendo ancora terminato la lettura di Come Dio Comanda. Letto Branchie e Ti Prendo e Ti Porto Via, ma mi chiedo davvero se sia fruttuoso descrivere continuamente la crudezza d’animo, seppur giustificata dal disagio sociale o da altra violenza ricevuta. Insomma lo scrivere di tutto ‘sto male è poi così terapeutico? A chi serve?
    Sono tornata e mi sei mancata Lise! Allie.

  23. bentornata allie!
    io non so se serva o non serva, devo dire che nello scrivere anch’io sono ossessionata da alcuni temi, però in effetti non c’è bisogno di ammorbare il lettore con seicento pagine per raccontare dell’omicidio di una sedicenne suvvia. per esempio, tutto quello che lei aveva fatto quella sera, prima di morire, i suoi pensieri eccetera. be’, ma checcefrega?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...