Prendi al volo un autobus sul quale non eri mai salita, ti siedi accanto al finestrino mentre il mezzo si infila in strade della tua città che non avevi mai visto: strade linde, secondarie, circondate di alberi in fiore, con palazzine a tre piani di inizio secolo, stile liberty, grandi giardini. Non riesci a staccare lo sguardo, stupita da tanta meraviglia, turista straniera nella tua città, mentre il bus si riempie di ragazzine bellissime e allegre, affannate come eri tu alla loro età.
<p>
Più tardi ti avventuri a piedi in una zona che conosci bene, dove hai lavorato qualche anno e che ogni volta ti sembra diversa, come un piccolo paese. Le strade sono piene di negozi di artigiani di accessori, belli e semplici come si possono trovare nel quartiere ebraico di Berlino, i locali sono numerosi e hanno insegne semplici, di una volta, stanno al pianterreno di palazzi colorati, retrò.<br>
Tagli in mezzo alle vie fino a un outlet delle grandi marche, dove gironzoli indisturbata, provi scarpe troppo care o troppo vistose e infine un paio di pantaloni classici di MiuMiu a un prezzo abbordabilissimo per scoprire che c’è da non credersi, la 38 ti va larga e l’affare sfuma.

Annunci

23 commenti

Archiviato in Senza categoria

23 risposte a “

  1. anonimo

    è il sogno di stanotte o che altro?
    [am]

  2. no, no miché, è il racconto del mio pomeriggio, prima e dopo la panoramica

  3. anonimo

    secondo me ti hanno dato le benzodiazepine.
    [am]

  4. Sigh. Io non dirò mai la frase “la 38 mi va larga”.

  5. anonimo

    (è anche probabile che le benzodiazepine occorrano a me medesima)
    [am]

  6. anonimo

    dove’ questo autlet della grandifirme? Ci sono cose da uomo classiche che devo rimettere a punto il guardaroba per l’estate?
    Cc

  7. è tutta storia vera, compreso il pantalone largo (ci sono rimasta così male). ora ti saluto, vado in palestra!

  8. anonimo

    però, dai, lise, eri anche un po’ contenta (per la 38 larga, dico).
    [am]

  9. cc è il dmagazine di via forcella. non guardo quasi mai la roba da uomo perciò non ti so dire, bisogna chiedere a metroicon
    vì: ma guarda, secondo me la taglia era sbagliata, ero incredula, tra l’altro erano tagliati malissimo, meglio il caro vecchio zara (anche se quel pantalone costava proprio poco accidenti)

  10. ma miché, quando mi ricapita un pantalone miu-miu a prezzi da negozio qualunque? 😦

  11. anonimo

    ora ti tratteniamo qui coi nostri commenti, così perdi la palestra e diventi una bagonghi da 38!
    [am]

  12. Ehm…ma chi è il Vecchio Giacomo??
    P.S.
    Evabbè, se è stretta perchè è stretta, se è larga perchè è larga…l’insoddisfazione muliebre è del tutto invincibile…

  13. anonimo

    affare sfumato, ma vogliamo mettere l’effetto prozac di poter scrivere/dire: “La 38 era larga”???!!!!
    B.

  14. B. per niente, lo giuro. avessi visto come calzavano quei pantaloni, una tragedia, anche perché sui fianchi erano quasi giusti. o sono tutti tagliati in modo assurdo o sono io che sono fatta in modo assurdo. ma non riesco ad accettare che una marca costosa e rinomata come miumiu tagli i pantaloni in modo sbilenco. anche perché lì ce n’era un paio solo, ergo tutti gli altri li hanno venduti. mi chiedo quindi se sono io a essere fatta in modo tutto sbilenco.
    am: sinceramente, tu che mi conosci, pensi che io sia troppo magra?

  15. a me di solito i pantaloni taglia 38 salgono fino alle ginocchia:-))

  16. Tu hai preso la 60?
    io nella 38 non entro nemmeno a tasgliare le gambe e a ricucirle come monogamba, ma va bene così.
    smetto di dare numeri.

  17. la 68 yuki! da piazza stuparich a piazzale aquileia, un panorama sconosciuto e pieno di belle sorprese!
    quelle taglie lì comunque sono tutte strane: una volta ho provato un vestito taglia 40 di dsquared, non ci entravo neanche, da nessuna parte, ne ho provato uno di gucci e mi andava perfetto, ne ho provato un altro di non mi ricordo più che marca e ci nuotavo dentro, chi le fa le etichette dei vestiti????

  18. La zona di p.zzale Aquileia con le viuzze intorno (via Altino, Paolo Giovio and so on) è comunque molto molto carina, senza contare quella Fiera. In un certo qual senso hai ricostruito con parte del tragitto in tram la storia della mia vita a Milano 😉
    P.S.
    Francamente non avevo proprio collegato il Vecchio Giacomo con Leopardi ed Il Sabato Del Villaggio! 😀
    Frase terribile quella che hai scritto da me,comunque! 😀

  19. io voglio farmi un pomeriggio in tram!
    pranderli a casaccio e guardare un pò fuori e un pò dentro.
    andiamo?

  20. #15
    diciamo che ti ho vista due volte e non ti ho studiata. sei piuttosto magra, non TROPPO magra. sei piccolina e minuta. l’effetto TROPPO magra lo fanno le modelle, che sono alte e spigolose, ma non tutte belle.

  21. ma io non lo dicevo perché fossi a caccia di complimenti. lo dicevo solo perché se scrivo che la 38 mi va larga paio ossuta e io non sono ossuta

  22. non ero mica complimentosa, cercavo di essere obiettiva. e meno male che non sei ossuta!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...