Sei abbastanza stanca di desiderare di piacere alla gente. Vorresti essere brava a disinteressarti dell’opinione che gli altri hanno di te, anche di coloro che ti piacciono. Domandarti in continuazione se, cosa e dove hai sbagliato. Chiss&agrave; se gli altri vogliono piacere a te.<br />
Ti guardi intorno e non ti sembra possibile, ti sembra che ognuno faccia solo ci&ograve; che ritiene pi&ugrave; giusto per se stesso. Vorresti essere capace di farlo anche tu.<br />
Invece ti ammazzi di seghe mentali e cammini sulle uova per tutto il tempo, anche quando stai ferma. Stai sempre ferma.

Annunci

50 commenti

Archiviato in Senza categoria

50 risposte a “

  1. Forse stai sempre ferma (o hai questa impressione) perchè ti fai troppe seghe mentali. Credo di avere lo stesso “problema”.

  2. sìssì, era esattamente quello che volevo dire.
    mi spiace che tu abbia lo stesso problema. mi sembra sempre di fare tutto sbagliato e se non me ne preoccupassi magari farei pure meno errori e senz’altro vivrei meglio

  3. lòise, io vorrei piacerti, il resto segue in pvt

  4. ma yuki, tu mi piaci così come sei, non hai bisogno di comportarti diversamente da come sei per piacermi

  5. in momenti molto brutti penso che il senso di inadeguatezza sarà una cosa che mi porterò sempre dietro. però, in momenti ottimisti, penso che in fondo, domandarsi dove si sbaglia e perchè, lo facessi anche solo io in un mondo in cui tutti gli altri mi calpestano, sia una cosa molto bella.

  6. anonimo

    Non vedo la contraddizione: gli altri fanno ciò che ritengono giusto per se stessi e tutti ritengono che la cosa migliore sia cercare di piacere agli altri. Non mi dirai che non è così no? Magari semplicemente la marea di seghe mentali in cui affondiamo tutti si nota poco da fuori 😉

    *UBI, allegramente rimbalzato da splinder, che non lo fa loggare*

  7. uno si sentirebbe molto più leggero senza la preoccupazione perenne di piacere agli altri a fare da zavorra. forse è per quello che io mi sento così “pesante” (può pure essere che siano i chili di troppo però).
    p.

  8. anche tu mi piaci così come sei!
    (ti dirò, la prima volta che ti ho visto … ma tre lo dico a voce, davanti a una cenettina piccina picciò)

  9. ubi, ma se magari io facessi ciò che fa più piacere a ME invece che a qualcun altro? io penso che ci sia tanta gente che lo fa, fregandosene dell’altrui approvazione e fa bene!
    plet: ma tu pensi che snaturare se stessi per piacere agli altri sia cosa buona e giusta?

  10. la minestra yuki, la minestra! 🙂

  11. deve essere faticoso vivere così, soprattutto perchè qualunque cosa tu possa fare esisteranno sempre persone a cui non piacerai, ma quanto valore può avere ad ogni modo piacere persone che non ti accetterebbero per come sei?

  12. Io ho passato almeno 20 anni della mia vita a cercare di piacere agli altri, diciamo dai 10 ai 30. Un bel giorno, mi sono stufata e mi sono detta “IO sono così. A chi va bene, bene, a chi non va…aria!”. Siamo miliardi in tutta l’umanità, perchè chi non mi apprezza mi deve stare accanto? E io cerco, nel limite del possibile, di fare la stessa cosa…di circondarmi di persone che mi piacciono e allontanare chi non sopporto.

    Ps: però…spero di esserti piaciuta! 🙂

  13. secondo tutti si sforzano di piacere agli altri pure quelli che non lo danno troppo a vedere…

  14. vedete? maldive è il mio esempio!
    maldive, sarai il mio faro! (certo che mi sei piaciuta, ci siamo fatte un sacco di risate!)
    ossimoro: sono d’accordo che tutti vogliamo piacere agli altri, però magari c’è chi non va contro se stesso per avere l’approvazione altrui. mentre io spesso mi ritrovo a fare o dire cose che non penso per non recare dispiacere a certe persone, quindi pur di mantenere la loro approvazione. è detestabile

  15. anonimo

    OT
    t’ho fatto un commento piccato, qui sotto.
    [anonimomichele]

  16. io non mi sono mai davvero posto il problema. forse è per questo che per la maggior parte del tempo sto da solo, mmm…capita che non dica cose che penso per non andare contro le opinioni altrui, ma più che altro quando non mi importa confrontare le opinioni. di nuovo, forse è per questo che per la maggior parte del tempo sto da solo ahahah

  17. ahahaah!! faro!!! Non me l’aveva mai detto nessuno…
    E’ chiaro che questo mio atteggiamento, mi ha portata ad essere spesso “sola” e giudicata come una “stronza antipatica” da un sacco di gente…In compenso, io vivo meglio e il vecchio “meglio sola che male accompagnata” è sempre vero…

  18. anonimo

    attenzione a coma, caccapupueggia in giro come niente fosse!
    [anonimomichele]

  19. michele non c’è bisogno che mi fai i fari: ti vedo dai preferiti, anche se commenti un post dell’anno scorso 🙂
    coma: fai benissimo, io ti ammiro. meglio star da soli che in compagnia di gente che si cerca solo di compiacere, sentendosi inadatti alla loro frequentazione

  20. maldive è un faro e michele fa i fari.non so ma sentivo di doverlo scrivere.

  21. me ne sono accorta dopo coma… la parola del giorno è FARI
    e se non ti piace puoi anche andartene, va bene?

  22. e figurati, puoi faro come ti paro

  23. Acc, troppi fari in questo blog, io c’ho le lenti a contatto e sono sensibile alle luci.

  24. anonimo

    mi vedi anche se sono sloggata??! che figata!
    [mike]

  25. anonimo

    scusate, ora levo il retronebbia.
    [mike]

  26. io voglio piacere a tutti. solo che pretendo di piacere per come sono. il che è abbastanza perverso, ma funziona quasi.

  27. edi

    quando trovi la ricetta per non dar peso all’opinione degli altri… la giri, per favore? Denghiu.

  28. Anche io facevo sempre così, credo che la risposta tu la possa trovare in “bassa autostima…” o almeno così è sempre stato per me.
    Sarebbe interessante ed oltremodo utile provare a cambiare prospettiva quando si pensa di vivere compiacendo gli altri (o almeno provandoci).
    Perchè non provi a pensare a quelli che sono i tuoi punti di forza, i tuoi effettivi pregi e sforzarti di credere che le persone con cui hai a che fare magari stanno guardando proprio quelli?

  29. A me succede l’esatto contrario, mi sento sempre a mio agio ( anche quando magari non è vero eh ma che me frega ) e vedo tutti gli altri fuori sincrono !

  30. lise quasi. li faccio ridere. il che crea una certa dipendenza. ma non lo dire a nessuno.

  31. anyway, ma ti senti apprezzata? o non ti interessa se non ti apprezzano?

  32. anonimo

    A parte fatto che se stai ferma sulle uova non ci stai camminando sopra, hai ottimi argomenti per piacere agli altri (soprattutto se maschi).
    Che è tutta questa luce?
    cc

  33. carcarlo non l’ho capita.

  34. anch’io mi faccio tante seghe mentali cercando di piacere agli altri (ma, poi, sappiamo sempre che cosa piace agli altri?), però ora sono migliorata perchè fino a qualche anno fa mi premuravo di compiacere chiunque anche dicendo cose contrarie a quelle che realmente pensavo! Poi mi sono guardata allo specchio, mi sono data della cretina e, ora, a parole non compiaccio più nessuno (in effetti, forse dovrei essere più diplomatica, sono passata da un opposto all’altro)

  35. anonimo

    nemmeno io
    Cc

  36. boh, sapere cosa piace agli altri presumibilmente no, altrimenti sarebbe facile, ma non contrariarli apertamente anche se la si pensa in maniera diversa è un esempio.
    e io sono una cretina. a volte sospetto, sono anche falsa.

  37. ho passato tutta l’adolescenza a cercare di adattarmi agli altri, a cercare di piacergli. e ora (ho 23 anni) che ho deciso che voglio essere me stessa e piacere per come sono mi dicono che sono troppo rigida! e ovviamente ci sto male.

  38. è abbastanza difficile in effetti, però penso che la cosa migliore sia cercare di fare la cosa giusta per se stessi. penso, ma non avendo mai provato non ne sono certa

  39. il discorso poi è un po’ vago, secondo me in diverse situazioni lo stesso comportamento ha significati diversi. contrariare apertamente qualcuno può avere senso una volta ed essere superfluo un altra. ed il valore di esprimere sempre la propria opinione è un valore fino ad un certo punto. altrimenti si arriva dall’altra parte, a rompere i coglioni agli altri se non si vestono/pensano/mangiano come pensi sia giusto tu. non so, parlare in generale di queste cose è sempre un po’ fumoso, perchè ognuno si immagina una situazione di partenza diversa.

  40. io non ci credo che agli altri non interessi. sono vestiti troppo bene.
    (io ti piaccio, lise? almeno un po’…?)

  41. Lise credo che tu debba “ripartire” proprio da te stessa.

  42. (riemergendo dopo ore)
    no, non credo che snaturare se stessi per piacere agli altri sia una cosa bella. io infatti non è che piaccia molto agli altri, in genere.
    tranne a qualche fidato estimatore.

  43. va bene coma, ma compiacere gli altri calpestando ciò che io vorrei essere, non essendo ciò che sono o non dicendo ciò che penso, smorzando i toni quando non sono d’accordo dà di me un’immagine che non corrisponde a ciò che sono veramente e questa immagine mi ha stancato;
    oltranzista non lo so se piaccio agli altri o meno, forse a loro piaccio non essendo me stessa. quella dei vestiti non l’ho capita.

  44. camminare sulle uova. già.

  45. prova a guardare in giro: c’è gente vestita in modo troppo curato per credere che non si preoccupino di piacere agli altri. sono ossessionati dall’idea di piacere agli altri. i vestiti sono solo la parte esteriore e più immediatamente evidente di questa preoccupazione.

  46. ah ok, erano due parti separate del commento.
    ma uno che si veste bene lo fa con piacere secondo me, chi non vuole vestirsi bene non lo fa. vestirsi bene non è andare contro la propria natura. io quando lo faccio mi piace farlo, è nella mia natura. ma certe cose le dico contro la mia natura. sono falsa ti dico.

  47. secondo me l’ossessione di piacere agli altri è particolarmente frequente nella nostra cultura, come pure il bisogno di appartenenza che si traduce in conformismo. mi sembra abbastanza normale (anche se, giustamente, frustrante) che chi si trova ad affrontare crisi interiori non si voglia sobbarcare il peso di potenziali conflitti con gli altri.

  48. una cosa è il desiderio di piacere, una cosa è essere falsi per timore di non essere apprezzati come si è

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...