Oggi c’&egrave; una delle stupide megariunioni inutili che di tanto in tanto vengono organizzate l&igrave; da voi. Lo spirito da consulente che caratterizza il capominiera lo porta a fissare dei <span style=”font-style: italic;”>raduni</span> nei quali vengono presentati i cambiamenti, i risultati ottenuti e le meraviglie che vi attendono, manco foste una societ&agrave; di venditori piramidali. Oggi &egrave; anche peggio, perch&eacute; hanno invitato dei colleghi per presentare la struttura (no, la struttura esiste da dieci anni, anzi dodici, ma fa niente) e quindi la farsa sar&agrave; anche peggiore, perch&eacute; si aspettano da voi che facciate relazione, cosa che tu odi. Tu non sei simpatica, perch&eacute; devono costringerti? Il tutto con corollario di foto (che tu non avresti voluto fare e si vede), che dici: ma se ti presentano l&igrave; davanti a tutti, che bisogno c’&egrave; di una patetica foto?<br />Tutto ci&ograve; per dire che cosa? Che siccome non &egrave; che ci tenessi particolarmente e che l’acquisto di un tailleur non sta in cima ai tuoi desideri, quando ieri sera hai aperto l’armadio, ti sei accorta che non compri un tailleur primaverile-estivo dal 1999. Non stai scherzando.<br />Alla fine ti sei risolta di indossare un tailleur acquistato nel 1997 per il matrimonio di una compagna di classe. No, dici, del 1997. Bel capo eh, per carit&agrave;. Ai suoi tempi per&ograve;. Di conseguenza presenta i seguenti difetti: spalline imbottite; taglio della giacca disperatamente fuori moda; vita in vita. S&igrave;. A parte la fatica fatta per allacciare la gonna. A parte la fatica che fai solo a respirare, col terrore che il bottone parta a velocit&agrave; supersonica per la sala. Da sotto la vita ti spunta la pancia, cresciuta ampiamente negli ultimi nove anni. Sembri al quinto mese di gravidanza.<br />Ti viene da piangere.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

0 risposte a “

  1. E pensare che sei comunque bella e che hai tante emozioni da esprimere? un abbraccio grande… (ps. che schifo le riunioni….)

  2. Anch’io un po’ di tempo fa ho trovato una vecchia giacca e sono inorridita di fronte a cotante spalline!! E poi me la sono messa e sembravo una giocatrice di rugby in pensione…eppure…eppure…e stanno tornando di moda in jeans slim molto anni ’80, vuoi che non tornino le spalline imbottite? 🙂

  3. Tailleur? Che roba è? No, io non ne compro da almeno 5 anni. L’ultimo (l’unico del decennio) era viola scuro e – per la prima volta – con la gonna, ma l’ho dato via 2 anni fa dopo averlo messo circa due volte. Una volta erano l’unica alternativa elegante al jeans, disgraziatamente, però io non ho mai lavorato in posti dove fosse richiesta l’eleganza. Ho ritrovato di recente una giacchetta rosso fuoco che una volta era in coppia con una gonna corta (taglia 44 scarsa), ed è ancora deliziosa per com’è allacciata davanti e sciancrata in vita. Però è del 1997, quindi presenta lo stesso problema della tua: spalle e maniche irrimediabilmente larghe… (Stringi i denti, e pensa al momento in cui uscirai dalla riunione… :-*)

  4. non mi parlare di tailleur che ho il dente avvelenato, ogni stagione ne debbo acquistare almeno un paio per via che lavoro nella cosiddetta “stanza dei bottoni” di un ente…spendo mal volentieri cifre elevate per abiti che nel mio tempo libero non utilizzo….proprio ora debbo comprarne un altro ma forse ho risolto comprerò una giacca di zara nera che metterò dappertutto.

  5. spingi in fuori tutta la pancia che hai e fingiti una giovane donna in carierra e in dolce attesa che ha dovuto indossare un tailleur del 97 perché era l’unico comodo di cui disponeva. oggigiorno è sicuramente una figura di un certo impatto. piace piace

  6. ggioia, io non sono bella, qualunque sia il modo in cui sono vestita e mi vuoi spiegare cosa c’entrano le emozioni (che comunque non sono positive)? è una riunione di lavoro, non emozionale;
    bianca: non sono in carriera, sono l’ultima sfigata del carro e il vestito non è comodo per niente, mi tira dappertutto

  7. Gioia, non ti invidio.
    Quando sono arrivata qui, tailleur ne ho comprati diversi, spaventata dall’impatto con questo luogo che fa dei luccichii e dell’aspetto il suo must.
    Per un certo periodo li ho usati alla grande. Finché ho realizzato come stavano le cose.
    Ora la maggior parte del tempo vengo in ufficio con le scarpe da ginnastica i jeans e quando devo essere legante la giacca di velluto. Anche quando ho le riunioni di un certo “spessore”. E chissene.

  8. vì, nessuno dei miei capi avrebbe gradito

  9. Nemmeno io sono bella, Lise, credimi…
    Però ho imparato ad apprezzarmi così. E che gli altri giudichino pure l’apparenza…. per me è dentro da un orecchio e fuori da quell’altro.
    Ad una riunione si dovrebbe dire “però, la LIse, che bella testa”. E non “però, la Lise, che bel culo…”
    Almeno io la penso così.

  10. ma quale testa?
    e poi, perché parti dal presupposto che io mi preoccupi del giudizio altrui? è il mio giudizio quello che conta e quello che conta è che io adesso sono vestita in maniera indecorosa. io lo so, io me ne dispiaccio, indipendentemente da quello che possono pensare gli altri. altri con i quali del resto non ho parlato, perché io non so farla relazione, per cui cosa vuoi che pensino di me?

  11. vassilissa1500

    Sono giorni, cara Lise, che medito di porti di fronte al seguente rilievo: ma come mai ti è venuto in mente di metterti il tailleur, se: a) detesti i tailleur e b) non avevi la minima idea di come ti stesse, posto che non lo indossavi da nove anni? La mia teoria è che tutte noi, non potendo continuamente fare ordine nell’armadio, celiamo sicuramente ivi qualche residuato bellico che ci fa sembrare alternativamente incinte, suore o Pac-man; però, credo, facciamo l’errore di infilarci addosso questi abomini solo quando già ci gira storta – e masochisticamente cerchiamo di farcela girare ancora più storta… Direi che con questo ho dato il mio contributo, sufficientemente incongruo e tardivo, alla “Settimana del revisionismo freudiano” indetta da Sogniebisogni (www.sogniebisogni.ilcannocchiale.it). Cmq., controbilancerei la possibile demenza dei miei rilievi con un suggerimento pratico: avendo molto molto peccato quanto al mettermi addosso abiti vecchi al fine di sentirmi orribile, adesso butto via IMMEDIATAMENTE qualsiasi cosa io abbia il sospetto che potrebbe farmi sentire a disagio indossandola. A volte, quando mi accade di svegliarmi alle due del mattino con un sussulto perchè repentinamente colpita dalla necessità di eliminare il mio miniabito di gabardine giallo, penso di stare esagerando. Però funziona. Un abbraccio, Vassilissa.

  12. ahahah, giorni?
    ho messo il tailleur perché la situazione lo richiedeva e quindi o mettevo quello o niente, non è che avessi alternative migliori e poiché non ci avevo mai pensato mi sono accorta del risultato solo la mattina stessa, quando ormai era tardi per porre rimedio.
    e comunque è un tailleur bellissimo, non lo butterei mai via, anche se forse non lo metterò più

  13. vassilissa1500

    Neanche regalarlo ad una persona cui vuoi bene e a cui sta benissimo? Io faccio sempre così – non so perchè, ma regalare un mio vestito (che sia particolarmente bello e che mi stia particolarmente male) a qualcuno cui invece sta benissimo mi dà il senso di ristabilire l’ordine, il senso e la decenza di questo scombinato e ingiusto mondo…
    Baciotto, Vassilissa

  14. a parte che nessuna delle mie amiche porta la mia taglia, chi mai potrebbe pensare di mettersi un tailleur con la vita in vita e le spalline imbottite?

  15. vassilissa1500

    Beh, a prescindere dal revival degli anni ’80, potresti addirittura spacciarlo per un capo vintage anni ’40… Sarà che ho sempre sognato i tailleur di Rita Hayworth!

  16. con dentro l’etichetta caractere? sarei poco credibile!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...