Tra le mille cose della tua palestra c’&egrave; anche un discreto numero di lesbiche. Tra queste ce n’&egrave; una da manuale: capelli rasatissimi, fisico androgino, abbigliamento sportivo. Come canterebbero gli Articolo 31: &quot;femminile come la De Filippi, pi&ugrave; uomo di Rambo&quot;.<br />Ieri l’hai sentita chiacchierare fitto fitto negli spogliatoi con un’altra cliente abituale (assidua frequentatrice delle lezioni della Pazza e indubbiamente etero). Non sentivi le loro parole, ma il suono della conversazione era tipico chiacchiericcio femminile sentimentale.<br />Ti sei un po’ incuriosita. Tu, da brava signorina trendy come si deve hai diversi amici gay. Amiche lesbiche, che tu sappia, non ne hai mai avute.<br />Chiss&agrave; com’&egrave; chiacchierare con una di loro.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in the gym

0 risposte a “

  1. Quando ci riesci facce sapè.

    ^_^

    Tora

  2. Spero tu stia scherzando quando dici che hai amici gay perché è trendy…

  3. io di relazioni chiacchiero molto con le amiche lesbiche e gli amici uomini, poco con quelle etero. quindi non so fare grandi confronti.
    certo è che entrambe le “categorie” (non ho saputo resistere!) parlano di tette e cosce meno di quanto si vorrebbe far credere

  4. jd: certo che era una battuta! ma era una battuta mutuata da un cliché

  5. spappari: magari non ne parlano con te. Beata, io ho amici uomini che all’argomento tette e cosce non sanno rinunciare nemmeno con me 😦

  6. Mentre ero nuda come un verme nello spogliatoio femminile, mi sono chiesta più volte: ci si preoccupa di non fare entrare gli uomini, ma se c’è qualche lesbica, qui, ha tutte le possibilità di guardare! Che insomma, dai, un’occhiata veloce la do’ anche io, se non altro per fare “confronti” (che durano il tempo d’un millisecondo).
    Ormai, oggi come oggi, ho acquisito una discreta sensibilità nel distiguere un gay da un etero. Ma non una lesbica, a meno che non sia rasata e vestita da maschio (e tante volte non vuol dire proprio niente!)

  7. lady, cosa cambia se chi ti guarda è uomo, donna, gay o lesbica? tu sei sempre tu, chiunque ti guardi. e poi dubito che le lesbiche vadano negli spogliatoi delle palestre per guardare le donne nude. altrimenti ci vorrebbero almeno quattro spogliatoi! in germania fanno prima: uno spogliatoio unico per tutti, e poi tutti in sauna insieme!

  8. lady, in realtà nemmeno io sono in grado di distinguerle, a parte questa qui anche perché è dichiarata (non l’ha detto a me, che non ci ho mai parlato, ma con altra gente non ne fa mistero), quella che ci aveva provato con me al borgo non avrei mai pensato che lo era!
    boh, se guardano in effetti mi imbarazza meno che se mi guardasse un uomo, non so spiegarti perché. io i confronti ahimè come ben sai li faccio sempre, ma anche con le persone vestite, perciò non conta molto! 🙂

  9. Ma ovvio che non ci vanno apposta! Volevo dire che io, come donna, posso suscitare istinti sessuali anche in una donna e non saperlo, e magari può infastidirmi, tutto qui. E che comunque è un mondo che non conosco.

  10. Non so, non ne ho mai conosciute…Però ti posso dire (non miera mai successo prima, ma ti giuro) che ultimamente ho subito 2 tentativi di rimorchio…Uno nel bagno dei magazzini e uno al mom…Ti giuro deliziose, poi abbiamo chiacchierato, quando hanno capito che nun ce stava niente da fà, e non ho assolutamente notato differenza…

  11. beh, io sono andata con delle amiche in un locale lesbo con spogliarelliste e ho visto delle scene di isteria collettiva da eccitamento non indifferenti. è giusto non generalizzare, ma, ecco, io sugli sguardi senza malizia non giurerei sempre sempre 😉

  12. Io le lesbiche le attiro un po’ da sempre! Giuro, già da bambina avevo amichette che chiedevano a mio fratello di sposarmi. Forse sono una lesbica repressa.

  13. IRI

    sono lesbiche mica alieni

  14. avere un amico gay non è solo trendy ma fa anche tanto politicamente corretto…che darei per averne uno.
    Le lesbiche mi spiace dirlo mi innervosiscono forse per quell’atteggiamento strafottente alla rambo che pure in un uomo mi darebbe fastidio, probabilmente mi sbaglierò e non saranno tutte così …

  15. Se vuoi un amico gay te ne presto uno, che qui abbondano…

  16. grazie, già mi vedo a chiedere un consulto sul make up…

  17. ossimoro, il mio amico gay è favoloso, non solo come persona, ma addirittura lavora in un’azienda di cosmesi, mi porta sempre un sacco di cosucce e mi da tanti consigli beauty

  18. io sarà che abito in una piccola città…ma di donne lesbiche dichiarate non ne ho mai vista una…se ce ne sono ( e ce ne saranno credo) si nascondono bene. abbiamo appena superato il piccolo “trauma” piccolo borghese di qualche gay dichiarato vestito un pò + eccentricamente..roba tranquilla naturalmente..ma per una piccola realtà come siena tutto fa scalpore..che tristezza…vivo davvero nel nulla cosmico..bah

  19. Iri, guarda che qui non si sta discriminando, io sono aperta a 360 gradi (non sai quanto), ma mi sento di dire che 1) non conosco il “mondo” delle lesbiche 2) ci penso due volte prima di spogliarmi davanti ad una persona, di qualunque sesso, che mi guardi per eccitarsi. E no, nelle saune miste non ci andrei, a meno di non indossare un costume.

  20. (l’ultima frase era per Oltranzista. Ciao Oltranzista! 🙂

  21. Lise: beata…avere un amico gay e per di più che lavora in un’azienda di cosmesi!
    Non so se avrò mai la possibilità di averne uno..insomma i gay sono un pò razzisti nel senso di snob non diventerebbero mai amici di un donnino che non è il massimo del trendy…lo so dare del razzista ad un gay è di un politicamente scorretto inaudito..ma spero abbiate capito quel che intendo.

  22. secondo me non è vero, se ti conoscesse quel mio amico gay tu gli staresti molto simpatica (e io non sono così trendy come sembra dal blog)

  23. (una prece: trendy è una parola agghiacciante. non usatela, ve lo chiedo in ginocchio, con i lacrimoni agli occhi)

  24. alja: non hai torto, ma la parola “trendy” la uso per proprietà di sintesi, cercherò di evitare per le prossime volte.
    lise: grazie, ma io non riesco a non immaginarti così “bip”…..

  25. ossimoro: dal blog posso far sembrare un sacco di cose anche senza dire bugie, pensa che c’è un sacco di gente che crede che io sia magra e carina senza avermi mai vista, ahahah
    alja: a milano si usa molto anche “tendenza”, che però viene utilizzato come aggettivo (es: una giacca tendenza), però mi sembrava pure peggio

  26. “una giacca tendenza” mi ha fatto morire dal ridere:)

  27. io una volta avevo una giacca tendenza ma camminavo tutto storto e quindi l’ho buttata.

  28. Lise! una ragazza che dice di portare la 38 non può considerarsi grassa, se così fosse allora a noi che entraimo a fatica nella taglia 42 non ci resta che buttarci in una piscina senza acqua.

  29. alja: è un’espressione tamarrissima 🙂
    coma: ahahah!
    ossimoro: è questa la disgrazia. appena dico 38 tutti pensano “magra”! ma nessuno pensa “magra” di me quando mi vede, ti assicuro. ho una 38 conformata 🙂

  30. ovviamente la lesbica si rivela meno. io ne conosco un po’ e a parte una che mi palpava sempre le tette, le altre sono esattamente come le altre ragazze.

  31. sì, quello non dubito (altrimenti le sgameremmo più facilmente), però penso che il loro chiacchiericcio sentimentale sia diverso dal nostro no?

  32. non so generalizzare, ma le chiacchiere lesbo sono tali e quali a quelle etero, gay, o altro… dipende dagli argomenti…. io ne ho amiche lesbo, anche parenti…. ci si ammazza dalle risate se è il caso… altrimenti si piange insieme… tutto uguale insomma…. certo sono meno appariscenti dei ghei alla Jonatan del grande fratello forse… ;D
    COMA: SEI SEMPRE UN GRANDISSIMO!

  33. vassilissa1500

    Sarei lieta di sapere che dovrei fare io che porto la 46 e mi ci sento pure bene…

  34. vassilissa, questo blog non ambisce a dire a nessuno che taglia dovrebbe portare o come sentirsi. se stai bene così come sei, non vedo quale sia il problema

  35. vassilissa1500

    La trattenuta irritazione personale che ti genero, Lise, mi delizia: credo non mi sia mai capitato di essere così evidentemente, visceralmente, istintivamente antipatica a qualcuno. Ed è altrettanto evidente che non detesti quello che scrivo (altrimenti te la saresti presa anche con ossimoro73), bensì COME lo scrivo – tu, mia cara, detesti il mio stile. Bacissimo, mio non ricambiato amore!

  36. dolce e gabbana stanno pensando di farci delle magliette con la scritta “lise charmel detesta il mio stile”, pare che sia un articolo che potrebbe andare fortissimo questa primavera

  37. vassilissa1500

    Questa è semplicemente ADORABILE! E la facessimo trilingue? “Lise Charmel detesta il mio stile – Lise Charmel hates my style – Lise Charmel hasse meinen Stil”. Rosa e nera. Niente swarowski, salvo tu ceda il disegno a Blumarine. Chiedi una percentuale, comunque – c’è da guadagnarci una fortuna. Aribacissimo!

  38. Ossimoro, secondo me se tu incontrassi il “gay giusto” non solo diventerebbe tuo amico, ma ti darebbe anche dei consigli utili per migliorare il tuo stile… Cioé, voglio dire, ti prenderebbe così come sei, e se hai voglia di cambiare (e sottolineo: se ne hai voglia) avresti da lui tanti spunti simpatici (ma da filtrare! 🙂

    Spero di essermi spiegata bene nonostante la fretta.

  39. il “gay giusto” mi fa molto ridere. mi riporta all’epoca dei paninari.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...