<span style=”font-weight: bold;”>Come far carriera nell’azienda dove lavora la Lise</span><br />Procurarsi un grave mal di schiena, di collo, di sciatica, della pecolla. Essere comunque di salute cagionevole. Procurarsi un gatto malato. Procurarsi una madre anziana. Attenzione: le suddette caratteristiche non si escludono l’un l’altra ma devono essere presenti contemporaneamente.<br />In virt&ugrave; delle stesse la presenza in ufficio non potr&agrave; essere garantita continuativamente e di certo non per tutti e cinque i giorni della settimana lavorativa.<br />Aggiungere a questo un’alterigia incontenibile. Ingigantire le cose. Ripetere ossessivamente: &quot;Io, io, io&quot;.<br />Svolgere con incompetenza tutti gli incarichi affidati, tentando oltretutto di far fare agli altri pessime figure con i propri errori.<br />Tutti gli uffici cercheranno di sbarazzarsi del soggetto in questione promuovendolo a incarichi di sempre maggior visibilit&agrave; e soddisfazione.<br />La tecnica &egrave; gi&agrave; stata sperimentata con successo.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

0 risposte a “

  1. 😮 ah, come ti capisco!

  2. e vogliamo aggiungere: quando si è presenti, emulare il capo in tutti i suoi peggiori atteggiamenti, in modo da atteggiarsi a capo?

  3. Funziona anche qua. Accidenti, è preoccupante.

  4. no, veramente anche il vostro caso ogni giorno ha un male diverso che lo/a costringe a restare a casa a fare un tubo mentre gli altri si smazzano i suoi compiti?

  5. da me il tipo in questione (adorato dal capo, of course) viene sempre, si ferma fino a tardi, ma cazzeggia!

  6. Mmmmhhh, ci vuole molto pelo sullo stomaco a far carriera così però…
    Meglio la dignità. Basta che poi non vengano a bularsi con te delle loro vittorie. A quando il ritorno alla defenestrazione?

    ^_^

    Ola!!!

  7. peggio djazz, si è appropriata delle attività che avrei voluto seguire io. se facesse carriera per i cavoli suoi non mi sarei sbattuta a dedicarle un post.
    di che defenestrazione parli?

  8. passale una malattia. tipo la peste.

  9. così sta ancora più a casa?

  10. avete anche stagisti/precari bravissimi, a fare pendant?

  11. Per defenestrazione intendo quell’ atto in cui una persona prende l’ altra e la scaraventa letteralmente fuori dalla finestra. Lo fecero anche i russi con i propri politici anni e anni fa. Vabbè che poi non è cambiato nulla, ma ALMENO la soddisfazione!

    Buon fine LISE!!!!

  12. il mondo del lavoro è in mano ai furbi, non alle persone competenti che si fanno in quattro… come ti capisco, vieni a farti un giro nel mio d’ufficio lo sai quanti ne trovi così? baci e comprensione 😉

  13. spappari: no, stagisti non ne abbiamo, ci è rimasto solo stear che è assunto a tempo determinato, gli interinali almeno li hanno assunti tutti. che però lavorino più di questa qui è un fatto incontrovertibile 😦

  14. Da me c’è sempre una buona ragione per scappare via, non rispondere subito, non considerarti, cheiderti gentilmente di rimanere in attesa che finisca le sue telefonate di ore “perché non so se te ne sei accorta, ma IO non ho tempo da perdere”.
    Peraltro telefonate in cui parla dei fatti suoi, delle vacanze, della figlia, di idiozie.

  15. Io ho scoperto che in ogni caso è meglio lavorare con gli uomini che con le donne. Le peggiori sono le milanesi, tra i 40 e i 55 anni, divorziate. Se hai una “capa” così sei spacciata. Io mi trovo benissimo da quando lavoro in un un ambiente di quasi tutti uomini, anche se ci sono “effetti collaterali” di altro tipo…

  16. non è la mia capa, è solo una collega

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...