Archivi del mese: marzo 2006

<span style=”font-weight: bold;”>Complimenti<br /></span>La collega Circe va in pensione. Quando vi siete salutate ti ha detto: &quot;Mi raccomando te, lo sai cosa voglio dirti. Resta sempre quella che sei, anche se c’&egrave; da soffire&quot;.<br />Te ne sei andata con le lacrime agli occhi, &egrave; una delle cose pi&ugrave; belle che ti siano mai state dette.<span style=”font-weight: bold;”></span>

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

&quot;Voglio un pensiero superficiale che renda la pelle splendida&quot;<br />(Afterhours)<br /><br />La citazione in alto &egrave; una dedica, a una tizia che una delle passate sere hai sentito dire: &quot;Basta con queste canzoni tutte uguali tipo <span style=”font-style: italic;”>mi graffi il cuore</span>, ben venga <span style=”font-style: italic;”>il piccione crucru</span>&quot;, che &egrave; gi&agrave; tanto se non l’hai uccisa.<br />Il concerto alla fine non &egrave; stato tanto male, c’era una concentrazione inferiore alle aspettative di magliette a righe, per contro c’era un discreto numero di <span style=”font-style: italic;”>Ho pagato 15 euro per essere qui quindi palpo chiunque</span>. C’erano tantissimi ragazzi molto giovani che sapevano a memoria anche le canzoni vecchie, c’erano tante ragazze con la maglietta con la scritta &quot;Piccola iena&quot;, che per te sarebbe stata perfetta, ma ieri sera non eri in vena di fare shopping.<br />C’era davvero un sacco di gente nel complesso, Manuel Agnelli era insolitamente cazzaro e chiacchierone, non ha nemmeno picchiato nessuno e insomma, chitarre distorte a parte, ti sei anche divertita. Insomma, anche quest’anno all’Evento a cui non si poteva mancare tu c’eri.<br />A far da contrappeso, stasera esci con due ragazzi giovani, molto carini e molto trendy: andrete in uno dei locali pi&ugrave; fighetti della citt&agrave;. E’ da quando ti &egrave; arrivata la prenotazione del Radiobus che pensi a cosa metterti.

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

<span style=”font-weight: bold;”>Ancora ormoni e fattorini<br /></span><span style=”text-decoration: underline;”>Scena n. 1<br />Personaggi e interpreti:</span> fattorino moro; collega Platinette<br />Si presenta dal collega Platinette il fattorino moro che gli piace tanto, ha in mano una scatola. Dice: &quot;Ho qui un pacco per il Sig. Platinette&quot;.<br />Platinette: Sono io<br />(e gi&agrave; non capiva pi&ugrave; niente)<br />F.M.: Dove devo mettertelo?<br />Platinette (dopo, a te): Oddio, ho sempre desiderato che me lo chiedesse, allora i sogni si avverano!<br /><br /><span style=”text-decoration: underline;”>Scena n. 2<br />Personaggi e interpreti:</span> tu e il fattomodello<br />Il fattorino moro viene raggiunto dal fattomodello, gironzolano un po’ per il vostro ufficio mentre tu e Platinette vi telefonate a due metri di distanza per descrivere i vostri tassi ormonali, poi salutano e vanno via. Tempo un minuto, squilla il telefono del collega Meneghino che non &egrave; al suo posto. Rispondi tu, ma sorpresa, un collega delle spedizioni chiede se sia ancora l&igrave; il fattomodello. &quot;Stai l&igrave;&quot;, gli dici. Posi la cornetta, batti il record dei cento metri piani in corridoio, recuperi il fattomodello davanti agli ascensori, lo chiami. Lui, tutto stupito viene a rispondere alla chiamata dal tuo apparecchio.<br />Ora vuoi leccare la cornetta.<br /><span style=”text-decoration: underline;”></span><span style=”font-weight: bold;”></span>

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

Ieri sei uscita dall’ufficio litigando mentalmente con un fornitore e con outlook che ti si chiude a sua discrezione, ti sei infilata le cuffie dell’i-pod e ti sei data della cretina. Gli Afterhours non fanno per te, non sono il tuo genere e questo lo sapevi gi&agrave; da prima di comprare il biglietto per il concerto. Da prima di farti dare tre album da Oltranzista. Perch&eacute; vai sempre a infilarti in queste situazioni?<br />Poi hai pensato che era brutto arrabbiarsi in una giornata cos&igrave; bella e in quel momento &egrave; partita &quot;Dentro Marilyn&quot;. Ed &egrave; stato strano, ma ti sei sentita come se qualcuno te l’avesse dedicata. E’ stato come avere di nuovo 17 anni, certe emozioni che pensavi di non provare pi&ugrave; sono uscite di nuovo durante l’ascolto.<br />Ti ha fatto contenta, perch&eacute; pensavi che il dispositivo per quelle sensazioni in te ormai si fosse deteriorato per sempre.<br />Ma non solo. Miracolo dei miracoli del tuo I-pod, la canzone era doppia e appena finita &egrave; ripartita di nuovo, mentre il tuo sorriso si allargava sempre pi&ugrave;. A quel punto, non paga, te la sei ascoltata una terza volta.

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

Ieri pomeriggio, mentre aspettavi che smettesse di grandinare per andare al corso di portoghese ti sei letta un articolo di Elle sui nomi delle borsette degli stilisti famosi. E cos&igrave; ti sei detta: &quot;Chi sono io, la figlia della serva?&quot; Perci&ograve; ora anche la tua nuova borsetta di Guess ha un nome: Sabrina. E’ un omaggio, chiaramente, in caso qualcuno volesse nuovamente intervistarti per chiedertelo.<br />Al corso di portoghese poi, ti sei resa conto che non era il fattomodello a scatenare tempeste ormonali, cio&egrave;, non solo. Quello bello (che poi a guardarlo meglio &egrave; meno bello di come ti era sembrato alla prima lezione) era seduto proprio di fronte a te e un paio di volte i vostri sguardi si sono incrociati. Non fa il simpaticone, dev’essere timido, anche un po’ scontroso. Meglio. Be’. Dicevi: un paio di volte i vostri sguardi si sono incrociati e tu hai avuto un piccolo rimescolamento. <br />Questo ti ha fatto capire, nonostante la pioggia scrosciante fuori, che la primavera era proprio arrivata. Del resto lo dice pure Ligabue, chi sei tu per contestare un idolo delle masse?<br />Stamattina, che l’arrivo della primavera era evidente ai pi&ugrave;, hai festeggiato il sole lasciando finalmente gli stivali nella scarpiera e scegliendo un paio di decolletee dal tacco alto.<br />Facendo due conti: carina in ufficio perch&eacute; c’&egrave; Stear (ma se ci butta un occhio anche il fattomodello non &egrave; che ti dispiace). Carina il marted&igrave; e il gioved&igrave; al corso di portoghese. Carina il luned&igrave;, mercoled&igrave;, venerd&igrave; in palestra perch&eacute; ci sono Castore e Polluce. <br />I tuoi punti di forza sono due: le labbra e le tette. Be’. Le magliette scollate non ti mancano e il nuovo gloss color ciliegia &egrave; veramente fenomenale.

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

<span style=”font-weight: bold;”>Ballate per piccole iene<br /></span>La meraviglia degli Afterhours che ti ha passato Oltranzista &egrave; che quando ce li hai in cuffia il resto del mondo (rumori, voci eccetera) non esiste pi&ugrave;. Dovrebbero permetterti di ascoltarli in ufficio, isolando cos&igrave; le interferenze altrui.<br />No, &egrave; questo il problema. Che gli esseri umani attorno a te stanno diventando tutti delle <span style=”font-style: italic;”>interferenze</span>. E tu una piccola iena insopportabile. Dicevi ieri sera a metroicon che ti stai apprestando a diventare uno dei due vecchietti del Muppet Show. Lui &egrave; troppo giovane per capire la battuta, ma i tuoi lettori in media no. Non sopporti pi&ugrave; nessuno e ti rendi di conseguenza insopportabile. La tua selettivit&agrave; ha sorpassato lo snobismo e sfocia nell’antipatia evidente.<br />Pensavi anche che se vai avanti cos&igrave; a maltrattare il prossimo, a breve ti ritroverai senza nessuno intorno. Stranamente questo pensiero ti risultava del tutto neutro e non riuscivi a dispiacerti nemmeno un po’.<span style=”font-weight: bold;”></span>

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

Subbuglio ormonale in ufficio. Per almeno mezz’ora il fattomodello si &egrave; aggirato spingendo il carrellino della posta e suscitando le occhiate lascive del collega Platinette, mentre tu ti imboscavi dietro tutti i muri possibili perch&eacute; ti vergognavi e ti veniva troppo da ridere. Nel frattempo il collega Meneghino ti chiedeva se volevi conoscerlo, se ci doveva mettere una buona parola e che ci avrebbe pensato lui. Per carit&agrave;, per&ograve; non riuscivi a smettere di ridere.<br />Ora come ora un eventuale trasferimento non ti interessa pi&ugrave;, a meno che non sia all’ufficio spedizioni.

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

<span style=”font-weight: bold;”>Non fiori ma opere di bene</span><br />Tra due settimane &egrave; il tuo compleanno. Come ogni anno stavi pensando alle persone con le quali ti piacerebbe festeggiarlo e a cosa fare. Cos&igrave; ieri al telefono con Meg le hai chiesto se&nbsp; poteva gi&agrave; lasciare la bambina da sola per una sera e lei ti ha risposto di no,&nbsp; per&ograve; che la pu&ograve; portare, basta che scegli un locale tranquillo. La bambina &egrave; effettivamente un amore, ma tu avevi intenzione di scegliere un posto dove si potesse anche ballare, assolutamente inadatto ad una creatura di un mese e mezzo.&nbsp; Tra l’altro con la vicinanza di Pasqua, 25 aprile e 1 maggio, trovare una data adatta a tutti sarebbe un’impresa.<br />Cos&igrave; ci stavi riflettendo su e ti &egrave; venuto in mente che negli ultimi tre anni, tutte le volte che hai festeggiato il tuo compleanno ti saresti fatta ammazzare piuttosto che partecipare a quella serata, eri sempre di pessimo umore, non avevi voglia di vedere nessuno e ti dovevi oltretutto sforzare di essere allegra e felice. In conseguenza di ci&ograve; passavi la settimana precedente e quella successiva a piangere per lo sforzo.<br />Gi&agrave; che c’eri ti sei ricordata del regalo dell’anno scorso di Drew e Cameron, che giace da mesi sul fondo di uno dei tuoi cassetti, a fine aprile scadr&agrave; e ti spiace per i soldi che hanno buttato in una cosa che non ti interessa e che oltretutto ti provoca uno sbattimento psicologico e pratico. Del resto, al di l&agrave; della scadenza, non &egrave; neanche l’unico regalo che non ti &egrave; piaciuto e che ingombra un qualunque angolo del tuo armadio.<br />Cos&igrave; per quest’anno hai preso una decisione storica. Sei cos&igrave; contenta e rilassata. Quest’anno non festeggi il compleanno. Niente di niente proprio, nemmeno un the coi biscotti. La cifra che avresti speso per pagare la cena la devolverai a Emergency o MSF. Allo stesso modo chiedi a tutti coloro che avevano intenzione di farti un regalo, di devolvere la cifra stanziata in un’attivit&agrave; di beneficienza di loro scelta. Quale a te non interessa, che sia l’ospedale Madre Segreta, la protezione delle balene e delle foche, un orfanatrofio in Romania. Altrimenti, che si tenessero i soldi.<br />No regalo, no party. Che meraviglia.

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

<span style=”font-weight: bold;”>A night at the opera – A day at the races</span><br /><span style=”text-decoration: underline;”>La notte bianca secondo Lise</span><br />La notte bianca era un sacco di gente che passeggiava per Corso Garibaldi assaggiando il primo sospiro di primavera. Ed erano gi&agrave; le prime gonne senza calze. Era un tizio che ha fermato te e Stear per strada e con tono da film di Verdone vi ha chiesto: &quot;Oh ragazzi, dov’&egrave; la notte bianca?&quot; e Stear: &quot;La notte bianca &egrave; una filosofia di vita, &egrave; uno stato mentale, la notte bianca &egrave; dentro di te&quot;.<br />La notte bianca &egrave; un sms di metroicon che dice: &quot;Odio la notte bianca&quot;.<br /><span style=”text-decoration: underline;”>Due giornate piene di sole</span><br />Come un tuo lettore aveva pronosticato, dei 92 euro risparmiati saresti riuscita a spenderne 184. Cos&igrave; &egrave; stato, complice una borsa di Guess che costava il doppio di quella che cercavi e una make-up artist che a tradimento ti ha truccato le labbra con un pennellino.<br />Hai fatto shopping con metroicon e la metromamma sintonizzati sul fuso orario di Atene.<br />E la domenica hai passeggiato per le vie di Monza, mano nella mano con Stear, in perfetta sintonia con il tuo nuovo mood borghese. Era una bella giornata per fare i fidanzatini borghesi e per scambiarvi piccole promesse che sanno di futuro.<br /><span style=”text-decoration: underline;”>Piccolo spazio pubblicitario</span><br />Lise Charmel, Matte0 e Oltranzista fanno la spesa da Sazio. Sazio: il supermercato dei (blogger) milanesi.

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

<span style=”font-weight: bold;”>Alcune piccole cose belle della vita<br /></span>Il pane di Princi. Il gelato di Chocolat. Pasteggiare a spumante. Tante belle risate tra <a href=”http://www.amici.mediaset.it/homepage.shtml&#8221; target=”_blank”>amici</a>.<span style=”font-weight: bold;”></span>

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria